La “Calabria che Vuoi” partecipa, attraverso il circolo rossanese del cirmovimento, al grido di “Verità” che è stato rivolto al Governo Centrale rispetto alla “Vicenda Rossano”.-
Tanto in passato è stato detto e fatto, anche dallo stesso Pesidente del Movimento Gianluca Gallo, da sempre presente e vicino alle problematiche del circondario.

Oggi il plauso particolare va ai promotori dell’incontro che, lo scorso sabato 27 febbraio, hanno chiamato a raccolta i cittadini dell’ex circondario di Rossano, compresi gli amministratori e i professionisti tra i quali è spiccaa forte e nutrita la partecipazione dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Rossano, con lo scopo di formare un “Gruppo d’Azione per la Verità” sulla chiusura del Tribunale di Rossano, con lo scopo di ottenere spiegazioni formali circa: la chiusura del Tribunale; i metodi della soppressione, i chiarimenti sui silenzi istituzionali delle autorità giudiziarie, soprattutto dopo le forti dichiarazioni del Senatore Buemi; l’assoluta distanza del Ministro della Giustizia Orlando che non risponde alle interrogazioni presentate dallo stesso Senatore; la mancata convocazione di una commissione d’inchiesta per accertare i movimenti che decisero in una sola notte, maldestramente, la morte di 150 anni di storia giudiziaria.-
Tante le proposte avanzate a corollario della proposta principale di recarsi a Roma, non più tardi della metà del corrente mese di marzo, onde trovare risposte certe alle domande e chiarimenti posti anche in sede parlamentare dall’autorevole senatore Enrico Buemi che, benchè piemontese, unico rappresentante delle Istituzioni Centrali ad aver sposato in modo pieno e combattivo l’“oscuro” caso “Rossano”.-
La “Calabria che Vuoi”, naturalmente tramite il circolo la “Rossano che Vuoi” i suoi componenti ed il suo direttivo fatto del Presidente Vincenzo Iapichino , Coordinatore Francesco Naccarato ed il segretario Gregorio Castagnaro, si affiancano alla proposta principale e a tutte le altre proposte che in seno a questa possano essere utili a sortire l’effetto sperato, conoscere la VERITA’.-
Il direttivo .-