Arrestato lo scorso 20 agosto ieri è stato rimesso in libertà. Stiamo parlando di Antonio Pisani, ventottenne pregiudicato di Rossano, difeso dall’avv. Francesco Nicoletti. L’indagato veniva colto in flagranza di reato in quanto giungevano verso le ore 13 della stessa giornata diverse telefonate alla Caserma dei Carabinieri durante le quali si udiva una voce femminile terrorizzata che chiedeva aiuto.

Successivamente gli stessi Carabinieri riuscivano a risalire all’identità della donna che stava telefonando ed al luogo in cui si stava perpetrando il reato e pertanto si recavano immediatamente presso l’abitazione della donna e qui trovavano il Pisani che ancora agitato profferiva offese e minacce alla madre nel mentre scaraventava per terra e distruggeva i mobili appartenenti alla stessa. Gravi i reati contestati dalla Procura della Repubblica per i quali Antonio Pisani veniva immediatamente tradotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari: dopo aver reiteratamente posto in essere nei confronti della madre offese, percosse, minacce anche finalizzate ad estorcerle denaro, oltre ad averle procurato lesioni al labbro,minacciandola ed offendendola anche alla presenza dei Carabinieri intervenuti nell’immediatezza. Si è successivamente svolto l’interrogatorio di garanzia presso la Casa Circondariale di Castrovillari dove si trovava rinchiuso il Pisani per il quale il Pm formulava richiesta di misura cautelare in carcere. Il Gip, al termine della camera di consiglio, accoglimento pienamente la richiesta della difesa ha rimesso in totale libertà il Pisani con il solo obbligo di allontanamento dalla casa familiare.