Difendere i politici, soprattutto se li conosci, non è facile, di questi tempi. Ma a volte bisogna farlo, perché ne hanno bisogno, o meglio, ne ha bisogno la città. Dunque non è per difendere Giuseppe Geraci, che parliamo di Giuseppe Geraci e del suo gruppo consiliare. E’ solo per un godibilissimo senso dello spettacolo, perché la politica, quando si lega al nonsense, è una forma di comicità meravigliosa che serve a dare la misura della qualità dei suoi interpreti. 

Insomma, lo scorso 15 settembre, i consiglieri di Geraci erano impegnati nel consiglio che avrebbe dovuto revocare l’atto d’impulso del febbraio 2016, mettendo così la parola fine alla sciagurata e raffazzonata vicenda della fusione tra i comuni di Corigliano e Rossano. 
LEGGI ARTICOLO COMPLETO