L’argomento principe del momento negli ambienti politici e cittadini di Corigliano e Rossano è quello della fusione. Un progetto attorno al quale da tempo si sta dicendo tutto ed il contrario di tutto, e nonostante una scarsa informazione su quelli che dovrebbero essere i contenuti reali del progetto, il prossimo 22 ottobre gli aventi diritto delle due città si recheranno nei vari seggi per esprimere il proprio si o il proprio no alla fusione.

Un dato che in maniera incontestabile è stato messo in evidenza, soprattutto da parte di coloro che sono orientati a votare no, è quello riguardante uno studio di fattibilità a corredo del progetto, attraverso il quale permettere ai cittadini di capire l’utilità e l’importanza di dare corso al progetto di fusione. Studio di fattibilità che manca e che, secondo alcuni, sarà avviato subito dopo il 22 ottobre.
LEGGI ARTICOLO COMPLETO