Rossano – Lo zampino della distrettuale antimafia sul “Caso Lulapaluza”. S’indaga a 360 gradi sul rogo appiccato nei giorni scorsi a uno dei locali più rinomati della costiera rossanese. Le piste sono molteplici. Appare sempre più certa la matrice dolosa.

 L’area è stata sottoposta a sequestro. I carabinieri, secondo alcune indiscrezioni, avrebbero acquisito le immagini del sistema di video sorveglianza disposto a macchia di leopardo, da cui potrebbero emergere elementi importanti ai fini delle indagini.