Fusione Corigliano Rossano, dov’eravamo rimasti? Quello che, per tanti, era quasi un miraggio, nel frattempo è divenuto tangibile realtà. Il “sogno” della nuova, unica e grande Città si è tradotto, a seguito del preposto iter istituzionale, nella concreta attualità che oggi abbisogna, tuttavia, di riempirsi di contenuti e proposte, idee e programmi. Significativo, a tal proposito, il contributo alla discussione apportato da uno dei più giovani, affermati e stimati imprenditori del comprensorio, Luigi Martucci, che della fusione è stato, per certi versi, un precursore.

“Corigliano Rossano rappresenta, finalmente, la terza Città della Calabria. Una popolazione ed un’estensione territoriale che tutti ci invidiano, con bellezze storiche e artistiche, naturalistiche e paesaggistiche destinate a costituire un polo attrattivo di sicuro interesse turistico. In questo importante percorso di crescita della neonata realtà comunale – dichiara Martucci – non si può eludere il determinante ruolo esercitato da quanti sono, a vario titolo e a ciascun livello, quotidianamente impegnati nel settore delle attività produttive, dal commercio all’industria alla piccola, media e grande imprenditoria che il nostro territorio può, a giusta ragione, vantare poiché fonte d’occupazione e sviluppo sociale ed economico. Uno sviluppo che, oggi più che mai, merita di essere pienamente tutelato e valorizzato dalla futura classe dirigente della Città e dalle Istituzioni sovra-comunali con la creazione di appositi momenti d’incontro e confronto, tavoli congiunti di lavoro, misure atte a favorire e supportare chi ha deciso, tra non pochi sacrifici, d’investire in questo territorio per affetto e convinzione”.

E non può che parlare d’affetto per questo lembo di Calabria Luigi Martucci, imprenditore profondamente innamorato del luogo nel quale è nato e ha scelto di vivere e operare, tra gli antesignani della Città unica poiché titolare di un prestigioso brand, “Martucci Ottica”, presente da oltre 10 anni sul territorio, sia a Rossano (in viale Margherita) sia, di recente, a Corigliano (in via Nazionale-“Piazza Salotto”). Il suo è un accorato appello a mettere a frutto ciò che di buono c’è, ed in larga misura, da queste parti.

“Le potenzialità inespresse di Corigliano Rossano e dell’intera Piana di Sibari sono note e sotto gli occhi di tutti, ed è chiaro che non è più possibile continuare ad assistere inermi alle occasioni perdute e a tante mancate rosee prospettive per le nuove generazioni. I nostri giovani – prosegue Martucci – devono essere messi nelle condizioni di poter decidere di scegliere di rimanere in questo posto e non esser costretti ad andar via, così come tutta la nostra categoria degli esercenti commerciali chiede unicamente ascolto, comprensione e coinvolgimento in questa grande sfida costituita dalla nuova e grande Città. Noi ci siamo, pronti come sempre a dare un propositivo contributo in termini di idee, proposte, progetti”.

Fabio Pistoia