La sospensione dei ricoveri nel reparto di Pediatria determina una situazione di estremo disagio a discapito della categoria più debole: i bambini. Comprensibile lo stress dei medici del reparto che ridotti al lumicino non riescono a rispondere a tutte le richieste, specialmente in periodi di epidemia come questa.

Una proposta, che avevo già sottoposto, in qualità di Segretario Provinciale della Fimp, al Direttore dell’azienda, non accolta per mancanza di fondi, era quella di chiedere a tutti i Pediatri di libera scelta, su base volontaria, di riempire i turni notturni, festivi e prefestivi, dando la possibilità di coprire meglio i turni diurni ai colleghi ospedalieri.
D’altra parte l’integrazione Ospedale-territorio è una delle priorità per tutti i nuovi contratti di lavoro e per i nuovi piani di salute.
Cominciare con il nostro nosocomio potrebbe essere un segnale di innovazione e di servizi per i cittadini.
Bisogna essere propositivi oltre che mobilitare la collettività.

Graziella Sapia
Civico e Popolare