Le cirque de la programation.Ovvero:Il giustificazionismo acrobatico dei programmi politici a posteriori. Leggere i programmi dei candidati sul come sarà “la città fusa del domani”, visto che non esiste uno straccio studio di fattibilità oggettivo e terzo alla base della fusione, non so se fa più rabbia o tenerezza!

La fusione così messa in campo, obbliga i candidati Sindaci e Consiglieri, a prodursi in fantasiose acrobazie programmatiche, quasi favolistiche, che mettono ulteriormente in risalto tutte le criticità della situazione nella quale, pochi sconsiderati “interessati” ci hanno cacciato.

Il risultato che ne discende è un “giustificazionismo acrobatico” che essendo proprio dei comportamenti irrazionali, dovendo a posteriori dare un senso a quello che a priori non si sia studiato e previsto, ingenera la scrittura di tanti libri dei sogni, passati come programmi politici, privi di alcun legame con la dura e ingestibile realtà con la quale qualcuno di loro, “obtorto collo” andrà a misurarsi domani!

Mario Gallina, spettatore pagante.