Il 46enne, che agì con un complice rimasto al momento ignoto, è stato inchiodato dal Dna. Il bottino fu di 171 mila euro

I carabinieri risolvono il caso della rapina alle Poste di Schiavonea, a Corigliano-Rossano, del maggio 2017. Nella mattinata di ieri, infatti, i militi dell’Arma in forza alla Sezione operativa della Compagnia coriglianese hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari su richiesta della locale Procura, nei confronti d’un pregiudicato rossanese di 46 anni, Mario Petrini.

L’uomo è accusato di rapina e sequestro di persona aggravati. LEGGI ARTICOLO COMPLETO