Tanta partecipazione, nella mattinata di martedì 19 maggio 2020, alla cerimonia di consegna dei lavori del 3° mega-lotto per quanto riguarda l’ammodernamento della S.S. 106 jonica tra Sibari e Roseto Capo Spulico. 

Alla significativa cerimonia, alla presenza di molte autorità civili e militari, hanno preso parte, mantenendo le dovute distanze di sicurezza per il Covid-19, il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, il Presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, l’Amministratore Delegato dell’ANAS, Massimo Simonini, ma anche i sindaci ed i rappresentanti parlamentari del territorio. Il crono-programma per la realizzazione dei lavori, su un tratto di strada di 38 chilometri, occorreranno 7 anni. Saranno impegnati circa 1.500 lavoratori sia nei cantieri e sia nelle aziende dell’indotto. “Abbiamo fatto il possibile – ha dichiarato il Ministro De Micheli nel corso del suo minuzioso e dettagliato intervento – per arrivare a questo giorno. Ci siamo riusciti. Ora, però, proteggiamo questo cantiere, proteggiamolo da chi non vuole bene alla Calabria e non vuole bene ai lavoratori. Dovevamo essere qui già a marzo – ha sottolineato il Ministro portando i saluti del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte – poi l’emergenza ci ha fermati. Ma non abbiamo perso altro tempo e, nel primo giorno utile nel quale sapevamo che potevamo ri-incontrarci, siamo venuti qui per dare inizio ad un’opera importante, oltre strategica, per questo territorio. Lo so che è così importante – ha poi concluso la stessa De Micheli – perché ho parenti a Corigliano-Rossano che in questi mesi hanno tifato per questa strada ed oggi sono felicissimi”. Piena soddisfazione, inoltre, è stata manifestata dal Governatore della Calabria, Jole Santelli, la quale ha dichiarato: “Oggi è una giornata straordinaria per la Calabria. finalmente, dopo 20 anni, si apre un cantiere negli stessi giorni della ripartenza del Paese. Ora è il momento di agire tutti insieme per far vincere la squadra Italia. Ringrazio – ha poi sottolineato la stessa Santelli – i dirigenti dell’Anas e tutti i sindaci della Sibaritide. Questa è una vittoria anche loro e di tutta la popolazione. Tengo a ringraziare anche il vice-ministro Giancarlo Cancelleri, il qule dimostra di essere sempre molto vicino alla Calabria, e, con immutato affetto, il Ministro Paola De Micheli, per le splendide parole e l’attenzione che ha voluto dedicare a questa nostra Regione. Conosco da tempo la grinta e la forza con cui Paola ha affrontato le montagne russe della politica e sono particolarmente contenta della sua presenza qui oggi, in occasione di una cerimonia molto importante per tutta la Calabria e dal forte valore simbolico, visto che avviene il giorno dopo l’inizio della fase 2 per tutta l’Italia. Quello di oggi – ha poi concluso la Santelli – è un omaggio alla ripartenza. L’apertura di questo cantiere è stata attesa per venti anni. Dobbiamo abbattere ora le maglie della burocrazia e delle leggi folli di un Paese che si è chiuso in una ragnatela che gli impedisce di volare. La speranza è che ripartano gli investimenti pubblici e che si faccia uno sforzo per semplificare tutto il sistema. Continuiamo a perdere ingenti risorse dell’Unione Europea e non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo metterci insieme e creare la squadra Italia. Genova ci ha dimostrato che si può fare, che ce la possiamo fare. Togliamoci le nostre casacche politiche e lavoriamo al di là delle solite contrapposizioni di partito. Lavoriamo tutti insieme per la squadra Italia e per la squadra Calabria”. Il nuovo tracciato attraverserà nei primi 18 km i comuni di Cassano allo Jonio, Francavilla Marittima, Cerchiara di Calabria e Villapiana. Nel secondo tratto i territori comunali di Trebisacce, Albidona, Amendolara e Roseto Capo Spulico. Il progetto, inoltre, prevede la realizzazione di 4 svincoli: Sibari, Cerchiara di Calabria, Francavilla, Trebisacce, Roseto Capo Spulico; 3 gallerie naturali per una lunghezza complessiva di 5 km; 11 gallerie artificiali per 6 km; 15 tra ponti e viadotti per una lunghezza complessiva di 6 km. Il completamento dell’importante opera è stimato entro il mese di agosto 2026. L’opera, ad ogni modo, avrà straordinarie ricadute sia economiche che sociali e si accompagna ad un importante progetto di valorizzazione turistica a beneficio dell’intero territorio. L’avvio dei lavori del 3° mega-lotto dei lavori di ammortamento della S.S. 106 permetterà, in modo particolare, di garantire lavoro a 1.500 operai in un territorio dove il tasso di disoccupazione è allarmante. Si apre, dunque, uno spiraglio sia per quanto riguarda lo sviluppo del territorio e sia per garantire nuovi posti di lavoro.

ANTONIO LE FOSSE