Dal circolo cittadino di Fratelli d’Italia: «Pronti a fare i nomi, l’Amministrazione riveda i requisiti». 

CORIGLIANO ROSSANO • Il comune di Corigliano-Rossano ha indetto una selezione pubblica finalizzata alla formazione di una graduatoria da cui attingere per l’assunzione di otto istruttori di vigilanza, attraverso un contratto di lavoro a tempo determinato, per tre mesi, che potrebbe essere l’anticamera della individuazione delle future figure della Polizia Municipale.

In un periodo economicamente molto drammatico, aggravato dalla situazione emergenziale provocata dal Covid, la possibilità di essere assunti, anche solo per tre mesi, rappresenta una speranza per tantissimi cittadini, in quanto il mercato del lavoro risulta essere, soprattutto nel sud Italia, sostanzialmente bloccato.
In virtù di tale aspetto, i componenti di Fratelli d’Italia del circolo cittadino hanno deciso di analizzare il bando di selezione degli istruttori di vigilanza ed hanno notato come alcuni punteggi di valutazione vengano attribuiti, ai partecipanti, in modo troppo discrezionale.
«In particolare è palese come i punti concessi ai candidati, sulla base di “attestati di formazione” (6 punti max) lascino esagerata libertà decisionale alla commissione giudicante poiché non vengono esplicitati in maniera chiara e soddisfacente quali siano i “corsi di specializzazione o formazione” idonei al riconoscimento di un punteggio e quali siano i parametri per l’assegnazione dei punti per ogni attestato».
«Questa nostra osservazione, viene maggiormente consolidata dal fatto che, negli ultimi giorni, in città sembra essere partito un “toto nomi”, guarda caso tutti vicini, parenti o affini, di consiglieri comunali. Fratelli d’Italia – fanno sapere dal circolo cittadino – non vuole farsi abbindolare sicuramente dalle chiacchiere da bar, ma sarebbe opportuno rivedere e modificare il bando in questione sia per mettere a tacere questi rumors e sospetti, sia per rendere la selezione maggiormente oggettiva e imparziale per quanto riguarda l’attribuzione dei punteggi utili alla formazione della graduatoria. Ci aspettiamo che l’amministrazione Stasi possa fare tesoro del nostro suggerimento, soprattutto perché il sindaco della città, durante la scorsa campagna elettorale delle amministrative, inneggiava dai palchi una maggiore trasparenza e imparzialità nella gestione della cosa pubblica. Fratelli d’Italia, quale forza di opposizione responsabile, spera che il primo cittadino possa essere consequenziale rispetto ai suoi proclami elettorali e sfruttare l’occasione per dimostrare di essere un politico con la schiena dritta. L’alternativa? Se si dovesse andare avanti – conclude il circolo di Fdi di Corigliano-Rossano – saremo pronti a consegnare l’elenco dei nominativi prima della fase definitiva della selezione».