L’incarico di redazione geologica (per un importo di oltre seimila euro) dato da Stasi- a mezzo determina del dirigente Castiglione- al promettente geologo Tonino Caracciolo, rappresenta senza dubbio il vero segnale di inizio della rivoluzione promessa dal sindaco di Corigliano-Rossano.

Coerente, tra l’altro, con quanto dichiarato solo poche ore fa:” Da tempo ormai, il tentativo (errato…) è quello di scoraggiare tanti ragazzi e ragazze, cercando di fargli capire che tanto è sempre tutto uguale..
La potenza rivoluzionaria che una scelta così innovativa contiene, non può lasciarci senza emozione.
Anche noi di Civico e Popolare, partecipiamo al profondo sentimento di speranza nel futuro che pervade la Città: guardiamo ammirati al sindaco della rivoluzione, consapevoli di assistere ad un percorso stasiano tanto illuminato da dover essere indicato alle generazioni future.

Gino Promenzio