Successo per la Giornata FAI (Fondo Ambiente Italiano) di Primavera 2021, con visita guidata, all’incantevole borgo medievale di Paludi in Provincia di Cosenza.

 I tanti visitatori, nella giornata di domenica 16 maggio, hanno potuto ammirare, grazie alla minuziosa e dettagliata presentazione degli studenti del Polo Liceale di Rossano che si sono cimentati egregiamente nel ruolo di ciceroni, il ricco patrimonio artistico presente e ben custodito nel comune di Paludi. Una visita finalizzata ad approfondire la storia del borgo medioevale di Paludi attraverso le antiche viuzze e gli stretti passaggi (un tempo utili alla difesa del centro abitato) che conducono a suggestivi scorci panoramici, per poi proseguire alla scoperta delle cinque chiese del luogo. Si è iniziato dalla chiesa di S. Clemente (dedicata al patrono e protettore di Paludi) che, con il suo maestoso campanile, costituisce il cuore del centro storico del borgo di Paludi. In seguito, poi, si è fatto tappa alle altre chiese (la chiesa della Madonna del Soccorso, la chiesa dell’Immacolata e la chiesa della Madonna del Carmine). Per gli iscritti FAI, invece, è stato possibile visitare l’interno della chiesa di Sant’ Antonio (o anche S. Maria di Nazareth), normalmente non accessibile. I tanti visitatori, inoltre, hanno potuto effettuare una “visita virtuale” del sito archeologico di Castiglione di Paludi presso il Centro Culturale Polifunzionale (ex mercato coperto), in Piazza Aldo Moro, dove è presente anche il Museo degli oggetti antichi che fanno parte della storia e della cultura di una comunità. La Giornata FAI è stata dedicata all’illustre e compianto concittadino Palmiro Maierù. Le visite, nel rispetto delle norme anti-covid, sono state effettuate in piccoli gruppi (max 10 persone). Eccellente il lavoro messo in atto dalla Prof.ssa Stefania Rossi e dagli alunni del Polo Liceale di Rossano. Questi sono: Quintino Berardi, Beatrice Salatino, Maria Berardi, Carla Tenquoa, Giulia Laschera, Federica Esposito, Giorgia Ammerata, Fabiola Rago, Pietro De Simone, Alessandro Cacciola, Cosimo Pedace, Alessia Le Fosse, Cosimo Pedace, Francesco Fraga, Antonio Andreano, Giovanni Graziano, Syria Luglietto, Giulia Madeo, Giuseppe Nola, Cristina Pace, Giuseppe Pace, Davide Romano, Alessia Rossi, Beatrice Santoro, Valentina Straface, Giuseppe Vulcano, Rebecca Zicarelli, Manuel Astorino, Michela Avantaggiato, Francesco Catone, Giuseppe Calabrò, Marialuisa Capristo, Domenico Celestino, Andrea Chiurco, Francesco Corapi, Aurora Cosenza, Achiropita Corrado, Martina De Vincenti, Antonella Grillo, Gaia Mollo, Greta Muraca, Andrea Vito, Noemi Vulcano, Teresa Zagarese. Un plauso anche all’intero staff (formato da Gaetano Gianzi, Maria Grazia Pappalardo, Elena Pisano, Daniela Rapani, Stefania Rossi, Amelia Donadio, Mariolina Cacciola, Rossella Scaramuzza, Anna Pizzetti, Evelina Viola) del Gruppo FAI di Rossano, coordinato da Giancamillo Gurgo Di Castelmenardo, per l’ottima organizzazione. Soddisfatto, in modo particolare, il sindaco di Paludi, Stefano Graziano, per la buona riuscita dell’iniziativa che, per l’occasione, ha richiamato tanti visitatori nel suggestivo borgo che si trova nella Sila Greca cosentina. Lo stesso sindaco Graziano, infine, ha voluto ringraziare il Gruppo FAI di Rossano per aver scelto il comune di Paludi per l’importante appuntamento di primavera promosso dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) su scala nazionale, l’intero staff della macchina comunale (fra cui il vice-sindaco Filippo Caruso, gli assessori ed i consiglieri comunali), il direttivo della Pro Loco di Paludi, don Stefano Aita, il Dirigente scolastico (Antonio Franco Pistoia) e gli alunni del Polo Liceale di Rossano, ma anche l’Associazione “Teniamoci Stretti” di Corigliano-Rossano per il servizio di assistenza e tutti coloro che, in diversi ruoli, si sono prodigati per la realizzazione ed il buon esito dell’evento.

ANTONIO LE FOSSE