Era strafatto d’alcol come una scimmia. Quando ha realizzato quel che aveva combinato se l’è data a gambe per salvarsi la pelle.

Già, perché minimo poteva rimanere ustionato nell’incendio che aveva appiccato egli stesso dando fuoco a un materasso proprio sotto il tetto dove dormiva, nel cuore del centro storico coriglianese. LEGGI ARTICOLO COMPLETO