Ieri la Corte d’Assise d’appello di Catanzaro ha assolto il coriglianese Vincenzo Guidi che era stato condannato a 30 anni di carcere.

Una nuova “verità” e una nuova sentenza per uno dei tanti omicidi di ‘ndrangheta compiuti nella Sibaritide un trentennio fa. Quello che venne consumato in una casa di contrada Fabrizio piccolo a Corigliano, nel lontano 1992. LEGGI ARTICOLO COMPLETO