È stato emesso un avviso di tempesta solare poiché ci sono almeno due grandi brillamenti sul Sole. Il dottor Tamita Skov, un fisico meteorologico spaziale, ha avvertito di un potenziale brillamento solare. Infatti, egli afferma: “Non ci sono ancora grandi tempeste mirate alla Terra, ma siamo in massima allerta. Diversi ammassi di macchie solari sono ora nel campo visivo della Terra. Almeno due di loro sono su larga scala, ma nessuno di loro ha lanciato nulla di significativo”.

Il Dr. Skov ha anche affermato che alcuni venti solari potrebbero far apparire bellissimi Auror nei cieli. In diverse parti del mondo, incluso il Regno Unito. Ha aggiunto: “Sembra che la tasca di vento solare veloce da un piccolo foro coronale stia lavorando al suo limite! Almeno per le prossime ore, dovremmo goderci l’aurora”.

Grande regalo di festa per le persone nel Regno Unito, in Islanda. Forse, anche sulla costa orientale del Canada. Questi cosiddetti buchi coronali sono regioni della corona solare (alta atmosfera). In cui, il plasma è significativamente più freddo. Di conseguenza, meno denso rispetto alle regioni circostanti.

A seconda della loro forza, le tempeste solari possono avere effetti molto diversi sul pianeta. Secondo lo US Space Weather Center, le tempeste solari sono classificate su una scala. Da G1 Minor a G5 Extreme. Quest’ultima è la più pericolosa. Dunque, sarà possibile osservare questa notizia sul huawei watch fit.

Tuttavia, tempeste minori possono portare a “deboli fluttuazioni nella rete elettrica”. Di conseguenza, esse hanno ​​un impatto minore sui satelliti. È anche noto che le tempeste deboli confondono alcuni animali migratori. Dunque, innescano le aurore alle alte latitudini. Infatti, con l’aumentare della gravità della tempesta, aumenta anche il suo potenziale impatto sulle tecnologie terrestri e orbitali.

Una forte tempesta G3, ad esempio, potrebbe portare alla ricarica della superficie dei satelliti. Forse un aumento della resistenza aerodinamica sulla navicella spaziale LEO. All’estremità della scala, le tempeste estreme possono distruggere intere reti elettriche. Pertanto, possono creare danneggiamenti dei trasformatori.

Inoltre, le prestazioni dei satelliti si deteriorano. Per di più, i segnali radio a bassa frequenza possono essere bloccati per diverse ore. Infatti, il degrado del satellite peggiora. I segnali radio a bassa frequenza possono essere bloccati per diverse ore. SWPC ha dichiarato: “Durante le tempeste, le correnti nella ionosfera, così come le particelle energetiche che si depositano nella ionosfera, aggiungono energia sotto forma di calore. Essa può aumentare la densità e la distribuzione della densità nell’atmosfera superiore. In questo modo, causano ulteriore resistenza ai satelliti in orbita terrestre bassa.

Il riscaldamento locale crea anche forti variazioni orizzontali nella densità ionosferica. Dunque, esse possono alterare la traiettoria dei segnali radio. Creando, in questo modo, errori nelle informazioni di posizionamento fornite dal GPS. Mentre le tempeste creano bellissimi auror, possono anche disturbare i sistemi di navigazione. Come ad esempio, il Global Navigation Satellite System (GNSS). Quindi, creare dannose correnti indotte geomagnetiche nelle reti elettriche e nelle condutture. I brillamenti solari tendono a influenzare fortemente il clima spaziale locale nelle vicinanze della Terra.

Possono creare flussi di particelle ad alta energia nel vento solare, note come particelle solari, che possono influenzare la magnetosfera terrestre e persino rappresentare un rischio di radiazioni per astronavi e astronauti.