Il giudice ha assegnato l’imputato agli arresti domiciliari in un’abitazione «ben distante da quella delle persone offese».

Il 35enne netturbino coriglianese Stefano Proglio (foto), imputato per il tentato omicidio del barista suo coetaneo e concittadino Pasquale Semeraro, poco fa ha lasciato il carcere. LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli correlati