EVITIAMO CHE VADA A FINIRE COME SS 106. TRASPARENZA,OLIVO: IL SINDACO DEVE COMUNICARE.

CORIGLIANO-ROSSANO (Cs), giovedì 28 luglio 2022 – I locali dell’ex Tribunale, restituiti al comune nei giorni scorsi, non facciano la fine della SS 106: ostaggio dell’eterna indecisione del Primo Cittadino che non sa prendere posizioni e assumersi responsabilità. Non facciamo accumulare ulteriore polvere e tempo su quella struttura che è diventata simbolo, per tanti, di ingiustizia e che la cui chiusura, prima e l’inutilizzo, poi, continuano a rappresentare la fotografia più eloquente del degrado e dello stato di abbandono del centro storico. Se il Sindaco – così come ha annunciato in quell’occasione – ha un progetto sull’immobile di via Santo Stefano lo renda pubblico e lo comunichi subito alla Città.

Trasparenza e comunicazione istituzionale. È quanto continua ad invocare l’assessore provinciale Adele Olivo. Anche rispetto alla destinazione d’uso dell’edificio che se non può tornare ad ospitare il Palazzo di Giustizia – sottolinea – sia reso almeno funzionale e fruibile per altre attività utili alla collettività.

Non ci piace giocare al toto-progetto – aggiunge la Olivo – e stare ad aspettare che il Sindaco si decida a condividere, prima o poi, possibilmente in consiglio comunale, idee ed investimenti come se quelle, fossero pareti di casa sua.

Non è così. La comunità ha bisogno di sapere cosa e come vi verrà realizzato per tornare a rivitalizzare il centro storico. – (Fonte: Adele Olivo – Assessore Provinciale Cosenza – Corigliano-Rossano – Comunicazione Istituzionale/Strategica – Lenin Montesanto Comunicazione & Lobbying).