CORIGLIANO-ROSSANO, 29 Marzo 2023 – Statale 106. Con il voto unanime del Consiglio Comunale si pone fine alla lunga e fastidiosa querelle circa presunti ritardi ed omissioni del Comune e la paternità dell’odierno risultato.

Puerile e ridicola appare l’attribuzione di paternità da parte di soggetti del Centrodestra impegnati quotidianamente a produrre post su pizze e taralli mentre viene smentita dai fatti l’ipotesi di ritardi attribuibili al Comune. Basti al riguardo ricordare loro che documentammo, or sono due anni, sia l’assenza di un progetto – tanto è vero che ancora oggi siamo allo studio di fattibilità – che dei finanziamenti ancora oggi non certi.

Quel che appare incontrovertibilmente vero è il fatto che dopo due anni di confronto serrato con Anas e con il solo supporto della Regione, passiamo da un rilevato alto sei metri che tagliava in due gli scali di Corigliano e Rossano, ad una autostrada urbana con funzione di raccordo dei nuclei abitati e riorganizzazione di spazi urbani oltre che di collegamento extra urbano, con viadotti urbani, opere accessorie e ben cinque svincoli: una ipotesi radicalmente diversa da quella che l’Anas – sostenuta da un coro di parlamentari nazionali e consiglieri locali – voleva propinarci sulla base di un semplice disegnino definito – a beneficio degli ignoranti – progetto da approvare.

Ora, oltre che esprimere la loro soddisfazione, dobbiamo chiedere ai plaudenti nostri rappresentanti regionali e nazionali di assicurarci rapidamente le fonti di finanziamento affinché si giunga in tempi brevi alla cantierizzazione.

CORIGLIANOROSSANO PULITA

CORIGLIANOROSSANO FUTURA

UNITI PER STASI SINDACO

EUROPA VERDE-VERDI CORIGLIANO-ROSSANO

Articoli correlati