Mandatario: Dott.Giuseppe Marini

 

Il Grembiule, distintivo del Volontario Credente

    Nella nostra Comunità che è in Corigliano Rossano, soprattutto durante manifestazioni civili o religiose, si notano tanti volontari, che sotto varie sigle, politiche o sindacali, prestano liberamente servizio nella collettività. Anche il credente, senza nessuna sigla, va considerato sempre un volontario , perché lui non è un visionario religioso , che , come si dice, vede e cerca il volto di Gesù negli oppressi della storia, ma è un rivoluzionario attivo che , con Gesù e come Gesù, il Risorto dei Vangeli, spontaneamente accoglie , accompagna , condivide, custodisce e difende l'uomo, lavorando per la sua liberazione e promozione nella società.

     Il volontario credente, sentendosi amato da Dio, ascolta con rispetto e attenzione le direttive delle gerarchie, ma non rinuncia mai all'analisi e al giudizio della sua libera coscienza , soprattutto quando si accorge che si baratta, anche a livello organizzativo locale, la profezia con il potere, in momenti storici come questi, in cui ci si chiude in silenzi colpevoli di fronte a politici emergenti di turno o amministratori rampanti, i quali, in combutta con ipocriti interessi, si alleano fra loro in nome della convenienza al bene comune , ma sempre a discapito del bene dell'uomo, sostenendo che si vuole fare strada ai poveri e si fanno invece strada sui poveri.

     Lui, volontario credente, fa sempre riferimento a quel Gesù che ha detto :<<Prendete il mio giogo su di voi e imparate da me che sono mite e umile di cuore e troverete ristoro per la vostra vita (Mt.11,29), dove il giogo non è l'osservanza dei comandamenti ma la pratica di un amore concreto per la promozione umana e dove il "mite" e "l'umile di cuore" non rappresentano un sacrocuorismo , cioè una qualità del suo carattere ma sono invece un invito ad una precisa scelta sociale di identificazione sempre con l' ultimo tra gli ultimi. La promessa del ristoro è quel respiro che gli fa riprendere fiato , perché accogliendo Gesù , che gli dona la sua stessa capacità d'amore nel volontariato., si fonde poi in Lui.

Distintivo del volontario credente è il suo Grembiule in un Servizio silenzioso. Lui, uomo d'azione, mosso dallo Spirito proveniente dalla sua Fede in Dio, che è Padre , non arretra mai e mai si scandalizza. Sa che la seduzione è sempre ricorrente nella Storia umana della Salvezza, in cui anche lui è inserito ma inviato a battezzare,"(Mt.28,19-20)" comunicando liberamente, quella Vita, che è, per noi tutti, "la luce vera del mondo (Gv.1,4)".

Corigliano Rossano,12.01.2020. festa della Commemorazione del Battesimo del Signore. FRANCO PALMISANO

     

0 awesome comments!

Il Blog di Rossano