• Home
  • Attualità
  • Si è svolto il Convegno su: “Sviluppo, Valorizzazione e Tutela del Territorio”

Mandatario: Dott.Giuseppe Marini

 

Si è svolto il Convegno su: “Sviluppo, Valorizzazione e Tutela del Territorio”

Si è svolto a Rossano, presso la sede CISL di Via Margherita a Rossano, il Convegno su: “Sviluppo, Valorizzazione e Tutela del Territorio” organizzato dall’ Associazione “Animali e Natura” di Rossano e dalla Associazione ANTEAS di Rossano. Sono due Associazioni che operano da tempo sul territorio e che credono nella validità di unirsi nel favorire maggiori occasioni di aggregazione e nella necessità di promozione di eventi finalizzati alla crescita socio-culturale del territorio.

Il tema oggetto di relazioni e di successiva discussione è stato il Territorio, ed in particolare lo sviluppo, la valorizzazione e la tutela del territorio locale.
Ha presieduto e moderato l’incontro l’Ing. Rita Carolina Laurenzano, Presidente dell’Associazione “Animali e Natura” che in apertura ha voluto affermare che l’incontro non aveva ovviamente la pretesa di affrontare un tema così complesso e multidisciplinare in un pomeriggio e con le sole forze delle associazioni di volontariato, ma voleva essere invece una prima occasione di riflessione su alcune indifferibili tematiche che riguardano direttamente questi temi che andrebbero riflettuti, discussi e metabolizzati, in maniera molto trasversale.
Il Presidente dell’Associazione Anteas Antonio Guarasci ha portato i saluti ed illustrato le interessantissime attività portate avanti da Anteas, che sono state anche oggetto di un video.
La premessa svolta dall’Ing. Laurenzano agli interventi dei Relatori ha avuto come oggetto l’analisi del concetto di SVILUPPO visto come processo di cambiamento quantitativo e qualitativo dell'economia interessante tutti i settori strategici della vita e non come crescita economica, con la quale spesso viene confuso e che, invece, viene misurata dal prodotto interno lordo per abitante.
Alle Associazioni interessa di più l’aspetto qualitativo dello sviluppo che è venuto sempre più ad imporsi nelle realtà virtuose del nostro paese insieme a concetti quali la tutela dell’ambiente, il valore dei beni comuni, l’equilibrata distribuzione della ricchezza tra i gruppi sociali, il capitale umano, la capacità di generare occupazione, in poche parole uno “sviluppo sostenibile”; ed è proprio per l’assenza di questo sviluppo sostenibile che gli osservatori e gli studiosi ci dicono che la Calabria, nella maggior parte dei casi, è un paese che ha avuto isole di crescita ma non di sviluppo, tantomeno sostenibile, in cui l’uso delle risorse economiche che ci vengono dalla Comunità Europea (ed alla quale, spesso purtroppo ritornano non spese) è davvero importante.
Il focus sulle risorse è stato sviluppato da Anna Minnicelli, progettista europea, che oltre ad affrontare il tema della necessità di una progettazione adeguata ha evidenziato l’importanza di ragionare in termini di “Area Urbana” e tenendo fortemente in conto che i giovani stanno quasi tutti andando via dai nostri paesi.

Si è ancora parlato di VALORIZZAZIONE, quale attività di conferire pregio o valore economico al nostro territorio; ed in tal senso il focus sull’attività di valorizzazione legate alle nostre emergenze archeologiche è stata fatta dott. Ernesto Salerno archeologo che ha parlato delle risorse e delle ricchezze archeologiche del nostro territorio che però devono essere organizzate nell’ambito di un progetto di conoscenza e valorizzazione organico ed ampio; le bellezze archeologiche sono state illustrate con la proiezione di interessanti immagini, percorsi, itinerari.

Si è poi parlato di TUTELA del Territorio intesa come cura, protezione salvaguardia che richiama subito le frane, le alluvioni, il dissesto idrogeologico.
Il focus conclusivo è stato fatto dall’Ing. Luigi Russo che ha arricchito il suo intervento anche con una puntuale analisi dell’evento alluvionale che ha interessato il territorio di Rossano nell’ultimo agosto, evidenziando altresì l’antropizzazione sbagliata delle nostre aree e la necessità di piani di protezione civile ben costruiti, efficaci, conosciuti e partecipati dai cittadini.
Alle relazioni hanno fatto seguito diversi interventi; molto incisivi quelli di Fabio Pugliese Presidente dell’Associazione “Basta vittime sulla strada 106”, del Dott. T. Caracciolo, del Dott. Gallo, di alcuni cittadini e dei rappresentanti CISL Tonino Russo segretario provinciale e Michele Sapia segretario CISL FLAI.

0 awesome comments!

Il Blog di Rossano