• Home
  • Cronaca
  • Nota a firma del Pd Corigliano-Rossano e del Capogruppo in Consiglio Comunale

Nota a firma del Pd Corigliano-Rossano e del Capogruppo in Consiglio Comunale


Per l'ennesima volta il giovane rampante consigliere comunale di maggioranza utilizza i social come strumento d'offesa gratuita verso una forza politica, perdendo  un’altra buona occasione per fare bella figura, tacendo.

Il Partito Democratico, come notorio, ha assunto più volte in consiglio comunale, attraverso il capogruppo Aldo Zagarese, un atteggiamento costruttivo e dialogante, mai disprezzante e strumentalmente avverso.
Una scelta di responsabilità che deriva dal confronto continuo all'interno di un partito che ha una sua dialettica ed i suoi tempi e che non va certamente spiegata o giustificata al consigliere comunale, come sempre irruento e non conoscitore dei modi e toni adeguati al ruolo ricoperto.
Prova pena per questo Pd, queste le elevate, quanto qualificate affermazioni che rilascia, sulla sua pagina Facebook.
Ne prendiamo atto... Ed allo stesso tempo chiediamo: qual è l'atto che smuove i sentimenti del consigliere di Forza Italia a Corigliano-Rossano Domani? La richiesta da parte di un circolo cittadino di chiarimenti sulla nomina di un valente e stimato professionista, con una procedura che già in passato  è stata contestata ed addirittura denunciata, da chi oggi amministra?
Cosa c'è di così incivile nel voler chiedere trasparenza sulle nomine che sono sì fiduciarie, ma che necessitano al contempo del rispetto di alcune regole? E come mai il dolore e la pena la si prova per un articolo di stampa ma non la si prova per un atto politico gravissimo quale l'abbandono dell'aula al momento del voto circa il bilancio consuntivo 2019 da parte di un consigliere di maggioranza? Non pensa il giovane consigliere che quest'atto avrebbe meritato un suo post più delle domande al Pd? Non pensa che la nomina all'ufficio tecnico sia apparsa ai più, vista la confusa e raffazzonata gestione delle determine e delle delibere, con candidature prima estromesse e poi riammesse, come il cedimento al ricatto del movimento che lo ha eletto? 
Questi sono i quesiti cui dovrebbe darsi e dare risposta !
Non è la prima volta che il PD viene tirato in ballo, attraverso banali post sui social, dal consigliere in questione che si abbandona ad un  linguaggio  poco adatto  a chi ricopre un ruolo nel consiglio ("circo promenziano, provare pena, ecc."); notiamo che troppe volte c'è il maldestro tentativo di entrare in dinamiche interne al Pd che non gli competono. Più volte si è  sorvolato sull'affermazione in cui riteneva che il capogruppo, Aldo Zagarese, "non discutesse e non si rapportasse con il suo partito" perché ci sembrava l'inutile lamento di un giovane che vive male il rapporto con il suo partito e lo trasla pertanto su altri; ma oggi crediamo che in realtà, e su questo dovrebbe ragionare anche il Sindaco, ci si trovi di fronte ad un cinico tentativo di provocare tensioni e polemiche ad arte.
È chiaro il tentativo di sviare l'attenzione su altre questioni, invero più importanti, quali ad esempio la sua collocazione in Forza Italia che non perde però occasione per muovere critiche alla stessa amministrazione che gli ha dato la possibilità di esprimere i concetti e  i pensieri ripassati il giorno prima.
Ecco... con l'educazione che non lo ha contraddistinto noi  invece potremmo chiedere tutto ciò senza mai parlare di "pena" e di "inciviltà" ma restando nell'ambito di un confronto politico corretto e invitiamo al contempo il giovane consigliere sempre più imprudente a studiare ancora ed a contenere i suoi istinti giovanili.
Pensi dunque ai tanti -troppi - problemi che affliggono la città e se ne faccia carico per rispetto della società che lo ha eletto, proponendo utili iniziative piuttosto che dare sfogo alla sua smania di protagonismo.
Ci aspettiamo che il Sindaco trovi il tempo per esprimere una posizione su questa vicenda proprio alla luce delle richieste di collaborazione e dialogo tra opposizione e maggioranza che hanno portato al confronto nelle due commissioni Bilancio e Statuto. Il silenzio o le parole che verranno dette dalla più alta carica comunale ci daranno modo di comprendere quale sia concretamente il valore che si intende attribuire  a questo dialogo.
PD CORIGLIANO-ROSSANO
CAPOGRUPPO PD CONSIGLIO COMUNALE ALDO ZAGARESE
 

0 awesome comments!