• Home
  • Sport
  • L’Odissea 2000 esce a testa alta dalle final eight

L’Odissea 2000 esce a testa alta dalle final eight

PORTO SAN GIORGIO –  A testa altissima. L’Odissea 2000 perde la sfida con la Cascina Orte e chiude ai quarti di finale la sua prima esperienza alle Final Eight di Coppa Italia. I ragazzi di Nelsinho e Labonia, al cospetto di una delle pretendenti alla vittoria finale, hanno onorato la loro partecipazione alla competizione tricolore con una grandissima prestazione.

Purtroppo, i gialloblù si sono dovuti arrendere alla sfortuna (5 legni colpiti) e ad un arbitraggio davvero scarso che ha condizionato la gara (vedi l’espulsione di Miglioranza nel secondo tempo sul risultato di 2 a 2 e un rigore sacrosanto non concesso per un mani di Manzali sulla linea di porta). Dopo una partita così non si può che elogiare lo staff tecnico e i calcettisti gialloblù che hanno messo alle corde una squadra come l’Orte e avrebbero meritato di giocarsi le loro chance di vittoria senza condizionamenti. Pensiamo che una società seria come quella guidata da Marino, Lapietra e Speranza, che fanno enormi sacrifici per portare avanti un progetto vincente, debbano avere più rispetto da parte di tutti. Con questo non si vuole assolutamente mettere in secondo piano la vittoria degli avversari che, vogliamo sottolineare, resta una delle più forti dell’intera serie B.    

LA PARTITA – Qualche problema di formazione per gli allenatori delle due squadra: Nelsinho e Labonia non possono disporre di Richichi squalificato; Rosinha (che non può giocare in quanto infortunato) ha Carpinelli appiedato dal giudice sportivo.
Il primo tiro in porta della partita è di Zancanaro, bravo Soso a chiudere lo specchio della porta. Pronta risposta dell’Odissea 2000, al 2’30’’, Sapinho impegna Sacripanti su punizione. Sul susseguente calcio d’angolo Miglioranza appostato sul secondo palo non riesce a trovare la deviazione vincente. Il gol lo segna, invece, l’Orte al 4’ con Gulizia che, dopo un batti e ribatti in area, trova l’angolo giusto per mettere in rete. L’Odissea 2000 per niente intimorita, continua a gioca bene, aggredisce in tutti i settori del campo e fa girare palla, mettendo in seria difficoltà gli avversari. La reazione è quindi immediata e porta la firma di Nelsinho che, però, trova pronto Sacripanti. Al 6’, poi, un tiro di Rocha viene parato dal portiere laziale. Sul rovesciamento di fronte Soso para in due tempi una conclusione di Montagna. All’11’45’’ doppia occasione per l’Odissea 2000: Calabretta colpisce il palo e Sapinho non trova la porta sul tap-in. A parte invertite i gialloblù trovano il pari, al 13’06’’: bolide di Sapinho il portiere respinge e Calabretta insacca di sinistro. Quaranta secondi dopo l’Odissea 2000 sfiora il raddoppio con una splendida ripartenza di Miglioranza che elude l’uscita di Sacripanti, ma, il tiro del calcettista brasiliano si infrange sul palo. La fortuna non è proprio dalla parte dei gialloblù che al 16’02’’ colpiscono la traversa con Rocha. E’ un ottimo momento per l’Odissea 2000 che si vede negare il raddoppio anche da Manzali che salva con un braccio sulla linea di porta un tiro di Sapinho. Gli arbitri fanno finta di nulla tra le proteste dei giocatori dell’Odissea 2000. Dieci secondi dopo altra occasione per l’Odissea 2000 con Sapinho che sfiora il palo della porta difesa da Sacripanti. L’Orte si riaffaccia in area avversaria sul finire di tempo. Dopo un’ottima parata di Soso su Gulizia, lo stesso calcettista, a 4’’ dalla fine del primo tempo, segna il gol del vantaggio servito da Montagna. E l’Odissea 2000 si ritrova al riposo immeritatamente sotto di un gol.      
Il secondo tempo si apre con un tiro di Rocha alzato sulla traversa da Sacripanti. L’Orte non resta a guardare e si rende pericolosa al minuto cinque, con Diaz fermato da Soso, con Zancanaro che colpisce il palo esterno e con Montagna che non trova la porta in scivolata al termine di una velocissima ripartenza. Scampato il pericolo l’Odissea 2000 si riporta in area avversaria e colpisce il bersaglio grosso con un tiro di Soso deviato incolpevolmente da Montagna. Sul 2 a 2 la partita si ravviva ancora di più e le azioni fioccano da una parte e dall’altra. Al 6’ e 21’’ gran botta di Paolucci e grande risposta di Soso che devia in angolo. Sul versante opposto Sacripanti salva su Rocha. All’8’55’’ Miglioranza getta alle ortiche il possibile vantaggio alzando un pallonetto impreciso solo davanti a Sacripanti. Passano 20 secondi e l’Odissea 2000 rimane in 4 per l’ingiusta e cervellotica seconda ammonizione di Miglioranza. In inferiorità numerica sale in cattedra Soso e la difesa gialloblù che fanno buona guardia sventando quattro buone occasioni. Anche in 4 i gialloblù non rinunciano ad attaccare e colpiscono il quarto palo della partita con Rocha.  Las squadra di Rosinha  torna in vantaggio al 14’35 con un tiro di Manzali. La compagine calabrese tenta il tutto per tutto per riportare in equilibrio le sorti dell’incontro ma l’Orte in contropiede sigla la rete della sicurezza con Gulizia. A nulla valgono gli ultimi attacchi dell’Odissea 2000 portati anche con il portiere in movimento, il risultato non si schioda dal 2 a 4 per la squadra viterbese.

L’Odissea 2000 esce dunque con rammarico ma senza rimpianti dalla Coppa Italia, consapevole di aver fatto tutto il possibile per passare il turno. Resta la soddisfazione per aver partecipato a questa esperienza unica dal punto sportivo, professionale ed umano perché l’atmosfera che circonda le Final Eight è davvero speciale. Averla vissuta resterà per dirigenti, staff tecnico e calcettisti gialloblù, tra i ricordi più belli della loro attività sportiva.

L’intervista del dopogara potete ascoltarla copiando questo link http://www.youtube.com/watch?v=DbK0MwBk-5k&feature=share&list=UU3IqbhEPiojlTXh8_H_Z6xA


ODISSEA 2000 ROSSANO – LA CASCINA ORTE  2 –4  (1 – 2 p.t.)

ODISSEA 2000 ROSSANO: Soso, Sapinho, Rocha, Miglioranza, Nelsinho, Russo, Calabretta, Apprezzo, Ambrosio, Labonia, Calarota, Sicilia. All. Nelson-Labonia

LA CASCINA ORTE: Sacripanti, Gulizia, Chiodi, Zancanaro, Arizia, Paolucci, Diaz Moreno, De Angelis, Manzali, Montagna, Falasca, Ceprini. All. Rosinha.

ARBITRI: Castellino (Treviso) e Di Guilmi (Vasto). CRONO: De Amicis (Avezzano).  

MARCATORI: 4’ p.t. Gulizia, 13’06’’ p.t. Calabretta, 19’56’’ p.t.  Gulizia, 5’18’’ s.t. Soso, 14'35 s.t. Manzali, 15’58’’ s.t. Gulizia.

AMMONITI: Miglioranza, Manzali, Labonia.

ESPULSI: 8’55’’ s.t. Miglioranza per doppia ammonizione.
                                                                                
  Pierluigi Noce
Addetto Stampa

0 awesome comments!

Il Blog di Rossano