CORIGLIANO-ROSSANO, 27 giugno 2023 – Dopo aver sbagliato di qualche decina di milioni di euro il calcolo dei fondi trasferiti al comune, strutturando una intera nota stampa su calcoli praticamente inesistenti, alcuni tra i più inossidabili grandi elettori di molte delle mirabili amministrazioni del passato, prova ad occuparsi di biciclette, senza rendersi conto di fare un ennesimo autogol.

Intanto partiamo da un presupposto: esattamente al contrario di ciò che si afferma, noi abbiamo recuperato tutto ciò che era recuperabile che abbiamo trovato a disposizione dell’Ente, dalle fontane alla segnaletica, dai pontili ai giochi per bambini. Abbiamo letteralmente tolto dalla polvere materiale totalmente abbandonato e sprecato.

Nel 2020 ci abbiamo provato anche con queste strepitose e-byke, dopo averle recuperate un po’ dappertutto, persino in qualche garage privato, ma non c’è stato un operatore del settore che ci abbia dato un parere diverso: il gruppo motore-batterie non era recuperabile e sostituirlo era totalmente antieconomico, così quasi tutte le biciclette sono state riportate alle loro rastrelliere bel parcheggio comunale.

Ricordo che all’epoca la struttura era affidata ad un soggetto esterno ed era diventata praticamente il parcheggio di amministratori e dirigenti oltre che di qualche privato: uno dei tanti affidamenti farlocchi ereditati dalle mirabolanti amministrazioni ben stenute da chi oggi si occupa di biciclette.

Esattamente quando siano state vandalizzate le bici non é chiaro, quanto meno fino al 26 settembre 2020 viene incendiato un automezzo dentro la struttura, ed i vigili del fuoco la dichiarano totalmente inagibile.

Da quel momento, visto che come Amministrazione – oltre a recuperare una mole enorme di patrimonio – ci siamo occupati anche di interrompere vari affidamenti “a perdere” ereditati dal passato, a quel punto abbiamo avviato la procedura per revocare l’affidamento del parcheggio.

Ecco perché il 30 ottobre 2021, a seguito di numerosi atti e sopralluoghi, ho emanato l’ordinanza n. 179, di sgombero dell’intera struttura per ragioni, tra le altre cose, di sicurezza. Il parcheggio, dunque, é stato totalmente interdetto fino al 6 giugno 2022 quando, per esigenze dell’ente (in particolare di lavori presso l’autoparco comunale) ed a seguito di valutazioni degli uffici, é stata emessa una ulteriore ordinanza con la quale è stato autorizzato l’utilizzo esclusivamente il piazzale scoperto: l’unica area accessibile per ragioni di sicurezza ancora oggi, utilizzata per alcuni mezzi comunali, mentre le bici vandalizzate e comunque inutilizzabili sono ancora nelle aree interdette.

Giacché ci siamo e giacché mi é stato chiesto di intervenire pubblicamente, aggiungo due elementi interessanti. Il primo: partendo dal presupposto che si tratta di un luogo vandalizzato, oggetto di incendio ed inaccessibile, chi può scattare delle foto in un luogo interdetto per ragioni di sicurezza, ed a quale scopo? In effetti, da alcune immagin recuperate nei giorni scorsi, é emersa una introduzione abusiva presso il parcheggio all’inizio di questo mese, da parte di persone le quali, per altro, armeggiavano proprio con le bici. Gli uffici stanno valutando gli elementi per l’eventuale querela.

Secondo elemento: questo ennesimo autogol di una classe politica che continua a dimostrare quotidianamente la propria inadeguatezza, mi consente di comunicare che grazie al progetto Info Mobility, grazie al quale l’amministrazione ha intercettato 4 milioni di euro, sono previsti molti interventi in città tra cui l’automazione dei parcheggi di via Taranto e Piazza Salotto, che nel frattempo metteremo in sicurezza. Ringrazio di cuore per avermi dato la possibilità di dare quella che credo sia una informazione importante per la comunità. Pensavo che con la nota sui fondi ordinari di fosse toccato il fondo, ma evidentemente mi sbagliavo.

IL SINDACO
FLAVIO STASI

Articoli correlati