Col vento che la fa da padrone, il campionato di terza categoria riprende il via dopo la pausa natalizia. Al “Michele Cara” al cospetto della Vigor Rossano si presenta l’ostico Montegiordano di bomber Corbino.

La Vigor guidata da Sidero si affida al collaudato al 4 3 3 confermando tra i pali Gagliardi, il duo Frontera-Farfalla centrali di difesa e sulle corsie laterali Bruno (Indrieri G.) e Tortora V.; centrocampo composto da Siciliano, Tortora M. e Tinari (Parrotta); in attacco Indrieri E. (De Luca) , Russo (Sidero) e Morello.

Come nelle precedenti uscite il primo tempo è di marca rossoblù. La Vigor Rossano già dai primi minuti inizia a macinare gioco e la prima occasione arriva sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Indrieri pennella per Russo, ma il suo colpo di testa si stampa sulla traversa. E’ l’inizio dell’assedio alla porta del Montegiordano. Numerose occasioni vengono sventate dal portiere ospite e solo un’invenzione di Tinari, complice il vento, riesce a sbloccare il risultato. La difesa rossanese non soffre nulla e gioca con scioltezza, mentre il centrocampo continua ad impostare azioni per il trio d’attacco. Al 25° è ancora Tinari ad andare a rete. Questa volta è un vero capolavoro: un bolide dai trenta metri che si insacca nel sette. La “mossa” Tinari sta dando i suoi frutti. Per i rossanesi è tutto in discesa. Al trentesimo arriva l’occasione che potrebbe chiudere i giochi. Su lungo lancio di Farfalla, Indrieri si invola e dopo aver dribblato due avversari e steso in area. Rigore netto. Si presenta sul dischetto lo stesso Indrieri, che però si fa ipnotizzare. Prima della fine del primo tempo altra occasione capita tra i piedi di Frontera, ma questa volta il portiere del Montegiordano si supera. Si va a riposo sul risultato di due a zero.

Inizio ripresa a squadre invariate. Il leitmotiv è sempre lo stesso: la Vigor tiene il pallino della situazione, ma la mole di gioco non trova la via del gol. Prima Morello, poi il subentrato De Luca non riescono a chiudere i giochi. E’ così si materializza la cosiddetta legge del “gol sbagliato gol subito”. Incertezza di Gagliardi che regala un calcio d’angolo. Dallo sviluppo dello stesso trova l’incornata vincente Corbino, lasciato colpevolmente solo. Ora il Montegiordano crede al pareggio e si apre, lasciando il fianco alle sortite dei rossoblù che, incredibilmente, ancora una volta mancano il gol della capitolazione.

A due minuti dalla fine, si materializza la beffa. Calcio di punizione per i rossanesi gestito in malo modo, che manda incredibilmente in contropiede il Montegiordano che con tanta fortuna e cuore trova il l’insperato gol del pareggio. Tripudio per gli ospiti che con il minimo sforzo trovano un punto d’oro, mentre la delusione nel volto dei ragazzi della Vigor è palese.

“Abbiamo avuto numerose palle gol per chiudere la pratica, ma non l’abbiamo fatto –afferma Zumpano a fine partita – e alla fine abbiamo pagato dazio. Sono sicuro che questo ci servirà da lezione.” Rammaricato, ma positivo Sidero  “Potevamo chiudere la partita già il primo tempo, ma non siamo stati abbastanza cinici. Voglio qualcosa in più da questi ragazzi, credo in loro.”