La Calabria che Vuoi e La Rossano che Vuoi, Non potevamo esimersi dal fare delle considerazioni unendosi a tutti coloro i quali hanno a “Quore” il nostro mare per tutto ciò che rappresenta: la pesca , il turismo, la salute pubblica, sapendo che è tutta una questione di “Quorum”.

Il 17 aprile saremo chiamati ad esprimerci sul quesito referendario che ci chiede: “Volete che, quando scadranno le concessioni, vengano fermati i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane anche se c’è ancora gas o petrolio?”. Il quesito riguarda solo la durata delle trivellazioni già in atto entro le 12 miglia dalla costa.-Non ci sarebbe bisogno neanche di scriverlo che la risposta giusta è “SI”.- Però è bene che le posizioni siano chiare e che ci sia informazione su questo passaggio importante del referendum, SOPRATTUTTO se siamo al corrente che si svolgerà il 17 aprile a meno di due mesi dal giorno in cui si svolgeranno le elezioni amministrative in molti comuni d’Italia; infatti, molti avevano chiesto di spostare il voto a giugno, anche per risparmiare sull’allestimento dei seggi. Ma ciò non è stato possibile.

Chissà perché? Forse perché a qualcuno ed al Governo Nazionale questa volta non importa risparmiare soldi, ma interessa non raggiungere il quorum? E si perché con la concomitanza tra amministrative e referendum, ci sarebbe la possibilità di arrivare al fatidico quorum necessario (articolo 75 della costituzione italiana), che deve essere rappresentato dal “50 per cento degli aventi diritto al voto” per essere valido”.- Inoltre, sui mass-media, televisione di stato compresa, per il momento, non si vede e non si sente molto passare la notizia ed inoltre c’è scarsa informazione, conseguentemente molti non sono a conoscenza dell’ esigenza del raggiungimento del quorum e delle caratteristiche legate alla formulazione del quesito stesso. E si perché quelle poche volte che si parla del referendum si accenna soltanto al giorno della data e non si illustra il contenuto del quesito, cui si rimanda ad alcuni siti intenet.

Ci si chiede: ma quanti sanno trovare il quesito del referendum nell’etere? Quanti hanno il tempo di andare su internet e scovare il quesito? Quanto questo Governo ha a cuore le sorti del nostro territorio derubato e martoriato? Allora chiediamo al Presidente della Regione Oliverio, che pare sia dello stesso partito del Presidente del Governo Renzi, di intervenire immediatamente e tempestivamente a far si che ci sia maggiore illustrazione ed informazione sul quesito referendario, soprattutto per le televisioni.- Per questo motivo “La Rossano che Vuoi” non si sottrae alla campagna di sensibilizzazione a favore del “Si” per dire No alle trivellazioni a mare chiedendo a tutti di partecipare numerosi per il raggiungimento del quorum necessario, perché solo così il risultato del referendum sarà valido.

Il direttivo Vincenzo Iapichino (Presidente),

Francesco Naccarato (coordinatore )

Gregorio Castagnaro (Segretario).