Il candidato del M5S Rossano, Avv. Stanislao ACRI, ha incontrato un gruppo di genitori, con figli disabili, fortemente preoccupati per l’assenza della figura del neuropsichiatra infantile a Rossano e il rischio di tagli comunali al servizio delle assistenti fisiche nelle scuole.

Il Comune di Rossano, sull’orlo del dissesto finanziario, pare voglia ripianare i conti andando a tagliare fondi di bilancio necessari per il servizio di assistenza fisica nelle scuole dei bambini disabili, titolari della legge 104/92. Tale servizio è garantito dagli uffici comunali Pubblica Istruzione e Servizi Sociali di concerto con l’ASP. I genitori chiedono che il Comune, unitamente all’ASP, valuti il caso specifico di ciascun bambino così da rimodulare l’assegnazione delle ore nel modo più efficace ed efficiente possibile, senza effettuare alcun taglio di fondi di bilancio ed assicurando i servizi essenziali ai bambini.
“Il Comune – affermano i genitori – garantisca la gratuità del servizio di assistenza fisica nelle scuole, della mensa per i bambini disabili che beneficiano della legge 104, nonché la continuità servizio di trasporto scolastico, spesso interrotto anche per mesi a causa di rottura dello scuolabus. Chiediamo che l’ASP reintegri la figura professionale del neuropsichiatra infantile presso il distretto di Rossano per completare il lavoro multidisciplinare degli operatori dell’unità operativa in quanto il personale addetto di Corigliano e Cariati non riesce ad affrontare l’eccessivo carico di lavoro in rapporto all’utenza. Chiediamo inoltre – continuano i genitori – che le riunioni del gruppo H vengano effettuate presso l’ASP e non a scuola al fine di avere la presenza di tutte le figure professionali necessarie, tra cui neuropsichiatra, psicologo, pedagogista, assistente sociale, insegnante di sostegno e insegnante di ruolo”.
“Vogliamo che il Comune di Rossano e l’ASP forniscano in tempi brevi le dovute garanzie e rassicurazioni ai genitori – dichiara ACRI – non dimenticando che le persone con disabilità godono di una tutela costituzionale privilegiata in base all’art. 38, comma 3 Cost., nonché al combinato disposto degli artt.2 e 3 Cost., che impongono alla Repubblica, e quindi tutte le sue articolazioni istituzionali, di riconoscere e garantire i diritti inviolabili dell’uomo nel rispetto dell’uguaglianza formale e sostanziale”.

Avv. Stanislao Acri
Candidato Sindaco M5S Rossano