«Per Raffaele Mauro la fusione tra i comuni di Corigliano e Rossano non è mai avvenuta e i cittadini del nuovo Comune unico non contano un tubo. Nella recentissima riorganizzazione di ambulatori e sedi territoriali, il rappresentante legale dell’Asp di Cosenza ha collocato Corigliano nel distretto sanitario Jonio Nord e Rossano in quello Jonio Sud. Quali ne siano la logica e l’utilità lo sa soltanto lui e forse Franco Pacenza, consulente politico del governatore della Calabria, Mario Oliverio». 

Lo afferma, in una nota, il deputato M5s Francesco Sapia, della commissione Sanità, che attacca: «Sono certo che pure stavolta Mauro giustificherà con cause esogene e altri bizzarri pretesti, ignorando la realtà amministrativa e i bisogni dell’utenza. Questa ennesima vicenda dimostra che la permanenza di Mauro alla guida dell’Asp di Cosenza ha un costo troppo elevato per la comunità locale, costretta a subire un’offerta di servizi sanitari priva di razionalità e lontana anni luce dalle esigenze collettive». «Sorprende – sottolinea il parlamentare 5stelle – la spavalderia con cui Mauro agisce come vuole, specie in materia di concorsi, pur sapendo di essere nel mirino dei commissari governativi alla Sanità, Saverio Cotticelli e Thomas Schael, i quali non ne hanno gradito la riconferma da parte dell’esecutivo regionale, deliberata malgrado i grossi buchi di bilancio prodotti dal manager in piano di rientro dal disavanzo sanitario». «A mente lucida – conclude Sapia – Oliverio o Pacenza spieghino a Mauro che perseverare nell’errore significa fornire ulteriori argomenti per la revoca del proprio mandato».