ANTONIO LE FOSSE.
SIBARI – I tanti tirocinanti dell’alto e basso jonio cosentino, nella mattinata di giovedì 17 giugno, hanno bloccato la S.S, 106 per rivendicare la loro stabilizzazione dopo tanti anni di servizio in diversi Enti pubblici del territorio.

La protesta è stata finalizzata per sensibilizzare la classe politica regionale e nazionale, affinché possa farsi carico delle loro istanze. Traffico in tilt sulla S.S. 106, per qualche ora, con disagi alla circolazione. Sul luogo della protesta erano presenti anche tutte le forze dell’ordine che hanno cercato, in tutti i modi, di trovare un concordato con i manifestanti per liberare la strada. Questi, dopo alcune ore, hanno sgombrato la S.S. 106, nei pressi dello svincolo di Sibari, permettendo la regolare circolazione dei mezzi (autobus di linea, camion, tir, furgoni ed auto). I tirocinanti continueranno la loro protesta con tappa, nella giornata di venerdì 18 giugno, dinanzi al Consiglio regionale di Reggio Calabria con il chiaro intento che possa essere trovata una soluzione alla loro tormentata vicenda tramite l’apertura di un tavolo di mediazione con il Governo centrale e la stessa Regione Calabria.

ANTONIO LE FOSSE