Rossanese boom. Un altro colpo a sensazione è stato messo segno dai copresidenti Franco De Caro e Giuseppe Graziano. Ieri mattina la Rossanese si è assicurata le prestazioni sportive del centrocampista Cataldo Montensanto. Originario di Cariati, classe 1977, il calciatore si metterà a disposizione del tecnico Sandro Cipparrone sin da domani pomeriggio (lunedì 5 agosto) per l’inizio della preparazione precampionato.

L’ex capitano del Napoli di Reja e De Laurentiis, per il suo illustre passato fra i professionisti, rappresenta certamente un “colpaccio” in questa finestra di mercato estivo: è uno di quei nomi che porterà lustro ed impreziosirà l’intero movimento.
Tornato nella sua terra, Cariati, ha ancora voglia di vincere. Per questo ha accettato la sfida lanciata dalla Rossanese: giocare per una compagine che vuole ottenere grandi risultati. Questione di stimoli, dunque.
“A Rossano giocherò in casa – queste le parole del neo calciatore della Rossanese – anche perché ho deciso di tornare nella mia Cariati dopo oltre vent’anni passati sui campi di Serie B e C. Qui ricomincio una nuova vita, anche calcistica. Ho avuto la fortuna di giocare ad alti livelli e proprio per questo Rossano mi affascina. Ho sempre seguito, da cariatese, le sorti della Rossanese anche a distabza e mi sono sempre chiesto perché questa piazza, così importante e con il calore della gente che può vantare, non abbia mai fatto professionismo”.
Montesanto sembra fatto a posta per rispettare il diktat presidenziale enunciato da De Caro: “Giocherò con la Rossanese per vincere, mi interessa solo vincere. Il mio curriculum suggerisce che sono un vincente, mi piace una certa mentalità e proprio per questo ho accettato la proposta di un’ambiziosissima Rossanese”.
Il forte centrocampista stava per cedere alle lusinghe del Torretta. “E’ vero – rivela – ho parlato coi dirigenti del Torretta, dove sarei andato a giocare per dare una mano e per tenermi in forma. Ma poi quando si è prospettata la possibilità di giocare a Rossano, continuando il mio modo professionistico di farlo, non ho esitato ad accettare una sfida che è già ricchissima di stimoli. E allora, ai tifosi dico “Forza Rossanese”, come quando ero ragazzo. Questo è il modo per salutarli”.  
Montesanto è certamente un vincete, in quanto ha sempre vinto ottenendo promozioni con l’Ascoli, dalla C1 alla B e dalla B alla A, con il Napoli (dove è divenuto capitano) dalla C1 alla B e dalla B alla A.
Dal punto di vista squisitamente tecnico, Cataldo Montesanto è un centrocampista completo, sarà certamente un lusso per l’Eccellenza. Ama impostare la manovra ma non disdegna la fase difensiva.
Qualità e quantità, insomma, per il centrocampo bizantino.

1997-1998           AVEZZANO               C2    27    –
1998-1999           S.S. GUALDO            C1    21    –
1999-2000           PERUGIA CALCIO      A    0    –
1999-2000           VITERBESE              C1    21    –
2000-2001           ASCOLI CALCIO       C1    29    1
2001-2002           ASCOLI CALCIO       C1    27    2
2002-2003           ASCOLI CALCIO       B    28    1
2003-2004           NAPOLI                  B    27    –
2004-2005           S.S.C. NAPOLI        C1    18    –
2005-2006           S.S.C. NAPOLI        C1    13    –
2006-2007           S.S.C. NAPOLI         B    0    –
01/2007              A.C. MONZA           C1    15    –
2007-2008           A.C. MONZA           C1    11    –
10/2008              POTENZA               C1    2    –
2010-2011          ERCOLANO            Ecc