Il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti sarà domani a Rossano per prendere visione dei danni provocati dal maltempo. Lo ha detto il sindaco Giuseppe Antoniotti al quale la circostanza è stata riferita dal presidente della Regione Mario Oliverio. «A Galletti – ha detto il sindaco – chiederò di farsi carico di una città di 40mila abitanti che è in ginocchio proprio nel momento di massima affluenza turistica». Secondo il primo cittadino, «una delle priorità al momento è sistemare l’argine del torrente Citrea».

Il crollo di una quindicina di metri del muro di contenimento sull’argine destro è stato all’origine di gran parte dei danni. Alcune ruspe sono al lavoro per rimuovere i detriti dalla foce del torrente e altre per risistemare l’argine. Sono circa 500, tra residenti e turisti, le persone evacuate a Rossano in seguito al nubifragio della notte scorsa. Lo ha riferito il prefetto di Cosenza Tomao che sta coordinando gli interventi di soccorso dal Centro operativo misto della Protezione civile allestita nei locali dello stadio. Gli evacuati sono ospitati in alcune strutture sportive della zona dove è in corso l’allestimento di cucine da campo. Possibili episodi di sciacallaggio sono stati sventati dalla polizia di Stato nelle zone di Rossano colpite dal maltempo. Gli agenti di alcune pattuglie intervenuti per i primi soccorsi hanno notato nelle prime ore del mattino alcune persone con fare sospetto che si sono allontanate non appena visto gli agenti. Sul posto si trova anche il questore di Cosenza Luigi Liguori che sta coordinando l’attività degli uomini di polizia giunti anche da Reggio Calabria, Bari e dalla Sicilia.

Giacinto De Pasquale