Si è aperta la fase congressuale , ed in linea con il regolamento nazionale, a  partire  dai circoli che  svolgeranno per primi i loro congressi, si passera poi ai congressi dalle federazioni provinciali e dalle unioni regionali, concludendo con la elezione dell assemblea nazionale e del segretario nazionale dei giovani democratici con le primarie di marzo.

Il coordinamento dei giovani democratici, ora in carica per il circolo  Rossano-Mirto, ha convocato l’assemblea degli iscritti per giorno 13 febbraio dalle ore 18, orario in cui gli iscritti avranno modo di accreditarsi come delegati che eleggeranno poi il segretario ed il presidente del circolo, alle ore 18.30 dopo la presentazione delle mozioni e si passera subito alla votazione.

Certamente, questo congresso non sarà l’occasione per dividere le giovani leve e nuova classe dirigente della giovanile e del Partito Democratico, anzi, una forte unita è stata riscontrata tra tutti i dirigenti  ed il  circolo, il che ha portato ad un dibattito precongressuale  costruttivo, pieno di contenuti politici e di idee frutto di un sano confronto, ma anche di un lavoro che in questi anni è riuscito a mettere sempre al centro i temi importanti e non i personalismi.

Il coordinamento ha inteso  invitare oltre che i delegati e gli  aventi diritto, anche gli interi direttivi e tutti gli iscritti di Rossano e Mirto del Partito Democratico, per dare un segno di forte vicinanza e continuità con il partito, infatti dopo la votazione discuteremo insieme del ruolo dei giovani democratici all’interno del partito, in particolare modo a Rossano, dove le elezioni amministrative sono alle porte.

Riguardo alle posizione sulle amministrative pero, la linea dei Giovani Democratici è unanime e decisa, non accetteremo primarie farsa e truppe cammellate, delle quali abbiamo avuto un assaggio durante l’ultima giornata del tesseramento, certamente non potremmo avallare ne sottoscrivere candidature, in particolar modo quelle candidature autoreferenziali, di soggetti i quali  non risultano nemmeno  iscritti nell’anno precedente di tesseramento (2014 ndr)  millantando titoli dirigenziali inesistenti, e che ci lasciano pensare  che si  siano  tesserati quest’anno con dei fini ben precisi, che di certo nulla hanno a che vedere con le serie problematiche che i cittadini e questo territorio vivono ogni giorno sulla loro pelle.

Siamo intenzionati a marcare una linea ben precisa, tra chi, in tanti, come noi, hanno intenzione di fare politica attivamente sul territorio senza scopi e posizionamenti, ma  semplicemente perché, come giovani, si sentono chiamati in causa e sentono il dovere di fare qualcosa affinché il corso della storia di questa città e questo territorio  cambi, siamo si  mossi da uno spirito e da idee nuove, e distingueremo in maniera evidente chi utilizza e sopratutto chi in passato ha utilizzato la politica per scopi e tornaconti personali.

Abbiamo deciso poi, di inserire, nella locandina che annuncia il congresso, una frase di Robert Baden Powell, un generale e scrittore inglese, una frase che in questo momento deve guidare il nostro cammino e le nostre azioni, con la speranza che diventi il leitmotiv, di quanti grandi e piccoli si avvicinano alla politica.

“Cercate di lasciare questo mondo un po migliore di come lo avete trovato”

Coordinamento Giovani Democratici Rossano-Mirto