Riqualificazione Centrale Enel di Rossano. Puntare sulle biotecnologie. I flussi d’acqua disponibili possono essere occasione di ricerca, per esempio, nell’uso delle alghe che promettono importanti sviluppi imprenditoriali. 

Un campo, questo, sul quale è possibile veicolare tecnologie, ricerca e capitali.  #RossanoFutura rivendica il diritto al lavoro. La presenza dei Dirigenti Enel, del Rettore dell’UNICAL, dei rappresentanti di UNINDUSTRIA e del Presidente della Regione Calabria a Rossano il prossimo venerdì 4 marzo, per la conferenza stampa di presentazione del progetto Futur-E, rappresentano l’occasione per parlarne seriamente. La Città ha diritto ad una guida forte ed autorevole.

È quanto dichiara il candidato a Sindaco di #ROSSANOFUTURA Tonino CARACCIOLO che saluta favorevolmente contenuti e metodi di rilancio della Centrale Enel.  

È un primo serio passo – dichiara CARACCIOLO – che mette fine alle paradossali proposte avanzate, in questi giorni, dai soliti noti politici di mestiere. La presenza del Rettore Gino Mirocle CRISCI e degli imprenditori, in uno con la Regione, rimette le cose a posto. Com’è noto ‪#‎RossanoFutura non si è accodata alla canea di coloro che, pur occupando posizioni di rilievo,  nulla hanno fatto quando la Centrale di Contrada Sant’Irene chiudeva.

L’Enel con il piano industriale 2015 ha modificato radicalmente le sue strategie industriali dismettendo più di 20 centrali convenzionali e mettendo i siti a disposizione degli imprenditori. Ora si potrà ragionare seriamente di futuro – conclude CARACCIOLO – nel quadro di quelle strategie al fianco di Governo e Regione.