Terminato anche il secondo appuntamento di #primaleidee, continuiamo il percorso verso le amministrative 2019, incalzando sempre più sul programma per la Nuova Città e su una classe dirigente formata e, almeno in parte, nuova.

Continuiamo in tal senso perché convinti che il rinnovamento passi proprio da un diverso metodo politico. Un metodo che deve avere tra i punti fermi l’idea, l’esecuzione, l’esecutore e nient’altro. Invitiamo, dunque, le forze politiche in campo a fare lo stesso, esternando le loro proposte e l’attuazione di queste, tramite eventi e manifestazioni.
Diciamo tutto questo perché siamo consapevoli di non avere la bacchetta magica. Riteniamo di non avere in tasca la soluzione a tutti i problemi e sarebbe pretenzioso da parte nostra affermare il contrario. Quindi auspichiamo vivamente e sinceramente che anche gli altri parlassero delle stesse cose, così, magari, riusciremmo a confrontarci in maniera seria su di un progetto fatto di buone Idee e di Donne e Uomini che ci credano. Mettiamo sul tavolo i propositi e in gioco i nomi. Mischiamo l’entusiasmo e le capacità che ci appartengono con l’esperienza e la competenza di altri gruppi di buona volontà. Un approccio politico che guarda unicamente alla crescita e sviluppo per Corigliano Rossano.
Questo è il rinnovamento che vorremmo, questa è la politica che fa bene alla collettività, questa è la strada da percorrere per cogliere al meglio l’opportunità Fusione per il territorio.
Diversamente, cambierebbe poco. Diversamente, sprecheremo un’occasione. Diversamente, andremo soli.