“Venghino Signori venghino”, finalmente inizia la costruzione dell’ospedale unico della Sibaritide, solo per una “casualità”, a ridosso delle elezioni regionali. Mentre gli spoke di Corigliano e Rossano sono “in ginocchio”, continuano a prenderci in giro con queste promesse e slogan elettorali, roba che farebbe rabbrividire pure la cosiddetta “prima repubblica”.

 Mentre a nessuno viene in mente di alzare la voce e chiedere una commissione, urgente, d’inchiesta su le ferrite di zinco che “invadono” il territorio della sibaritide provocando tumori e morte! Una Regione che fa morire i suoi figli non merita di essere presente nemmeno sulle cartine geografiche! Mi vergogno di “pseudo” candidati che escono alla ribalta in questi giorni, con slogan di cambiamento, quando non hanno mai mosso un dito per i problemi della Sibaritide e di Corigliano Rossano. Vergognatevi e fatevi un serio esame di coscienza, sempre se ne avete una. Famiglie che ricevono bollette TARI con somme assurde, per consumi fantasmi, quando la raccolta differenziata dovrebbe portare benefici all’intero territorio. Venghino Signori Venghino, questo è il Paese dei Balocchi, ahimè, purtroppo, una storia vera dove non c’è la Fata Turchina ma in compenso abbiamo il Gatto e la Volpe. Buona fortuna Corigliano Rossano!
francesco caputo