La bolletta sale e la differenziata scende!
Come gruppo “Corigliano-Rossano in Azione” abbiamo deciso di mandare alla Procura di Castrovillari, alla Procura della Corte dei Conti, all’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), al Prefetto della Provincia di Cosenza la documentazione delle tre proroghe, che noi riteniamo illegittime, al contratto di gestione rifiuti dell’area urbana rossanese.

Pensavamo di aver visto tutto, invece osserviamo un Sindaco che fa opposizione a sé stesso. L’attività di denuncia è di opposizione di Stasi continua anche durante la sua amministrazione, dimenticandosi che ora è lui che deve risolvere i problemi, soprattutto quelli legati alla gestione rifiuti. Vediamo, invece, un Sindaco che va in giro per la Città a fotografare le numerose discariche abusive, senza lavorare su una proposta di gestione alternativa. Cosa si vuole fare dei rifiuti prodotti dai nostri cittadini? Nessuna risposta.
Il paradosso è che l’Amministrazione Stasi nasce proprio dalla tematica ambientale. I cittadini, fondamentalmente, lo hanno votato per questo e lui ripaga tutti i suoi elettori abbandonando totalmente le numerose e vecchie battaglie ambientali dopo aver raggiunto la poltrona da Sindaco. Assurdo vero?! Nulla di diverso rispetto le vecchie amministrazioni.
Come consiglieri di opposizione dopo due anni siamo stufi di attendere la convocazione della Commissione Ambiente, che non avverrà mai, nella quale, diciamoci la verità, non si riuscirà a costruire un percorso ambientale sensato. Per costruire bisogna conoscere. Sono due anni che i Consiglieri di maggioranza, compreso il nostro Sindaco Flavio Stasi, si sottraggono alla discussione sulle tematiche ambientali, soprattutto quella dei rifiuti. I primi attendono il lascia passare del Sindaco, il secondo invece è consapevole dei suoi errori, infatti evita di affrontare la questione rifiuti all’interno del Consiglio Comunale.
Anche noi consiglieri di opposizione, candidati nelle coalizioni avversarie, pensavamo che almeno su questa materia avremmo lavorato a ritmi serrati, invece ci ritroviamo, dopo due anni di amministrazione Stasi e dopo numerose richieste di confronto, di fronte ad un vuoto politico-amministrativo.
Le discariche in giro per la Città aumentano, la percentuale di raccolta differenziata diminuisce, le bollette salgono e dopo aver ascoltato numerose giustificazioni, insensate e ridicole, da parte del Sindaco, constatiamo che il problema è solo nostro. In tutta la Regione Calabria, infatti, il numero dei cittadini che differenziano sono in netto aumento, proprio nel 2020, con una drastica diminuzione delle tasse nelle altre Città.
Noi invece? Proroghiamo, senza seguire una logica giuridica, vecchi contratti, ormai scaduti, che non consentono ai cittadini di poter differenziare i rifiuti. Condannandoli, in modo inconsapevole, ad un drastico aumento della tassa sui rifiuti.
Dobbiamo smetterla di improvvisare un’azione amministrativa. Siamo una nuova Città e non meritiamo tutta questa approssimazione. L’Amministrazione non ha una visione futura di Città, neanche sulla raccolta dei rifiuti cittadini, e la chiusura mista ad arroganza bloccherà la sterzata della quale abbiamo ancora più bisogno.
L’appello di costruzione di una visione futura di Città, nel breve, nel medio e nel lungo periodo, lo rivolgiamo ai consiglieri comunali di maggioranza, che vediamo ancora molto confusi nello svolgimento del loro importante incarico politico.

Francesco Madeo
Corigliano-Rossano in Azione