Azione: Stasi affida una consulenza d’oro allo studio del prof Amorosino. Ma non era un filantropo?!

Ogni cosa ha il suo prezzo, anche la filantropia ostentata da chi è stato presentato alla Città come un benefattore e oggi ha presentato il conto. Lo Statuto comunale, quell’obbrobrio giuridico inemendabile e inapplicabile, che la prossima amministrazione Politica di Corigliano-Rossano dovrà demolire e ricostruire dopo aver chiuso la nefasta parentesi dell’attuale compagine amministrativa, ci costerà 175.509,00 euro tutto compreso, da versare in 24 “comode” rate.

È l’ennesimo affare d’oro a discapito dei cittadini di Corigliano-Rossano fatto dall’Esecutivo civico che, con apposita determina dirigenziale n. 226 del 14.09.2023, a firma del superdirigente dell’amministrazione Stasi, Giovanni Soda, e con la benedizione del potente vicesindaco Maria Salimbeni, ha formalizzato l’ affidamento diretto alla LPA (Legal ad Public Affairs) di Roma per una serie di attività di consulenza tecnico-giuridica dalla riconversione e ridestinazione della Centrale Enel al progetto di unificazione del lungomare, dall’attivazione della ZES alla destinazione e all’armonizzazione del Consorzio ex ASI, dalle concessioni demaniali al piano spiaggia.

Cosa è la LPA? È la società che fa capo, tra gli altri, all’Avv. Sandro Amorosino, colui che ha redatto il nuovo “Statuto” di Corigliano-Rossano; colui che ha addentrato i nostri amministratori nelle stanze romane di Anas nella vicenda della nuova statale 106 Sibari-Coserie; colui che – da ultimo – ha accompagnato i nostri spaesati gestori della cosa pubblica nella fallimentare trattativa con Enel per la riconversione del polo industriale di Sant’Irene.

Eppure chi lo avrebbe mai immaginato che il Sindaco Stasi potesse avallare tale condotta, posto che per i rapporti che sono intercorsi tra il Comune di Corigliano – Rossano e il professor Amorosino, entrambi per motivi di opportunità e di etica avrebbero dovuto astenersi da tale “combine” che rasenta i limiti dell’illecito non solo amministrativo, contabile ma anche giuridico e che, come atto necessario, ne determinerà la comunicazione alla locale Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti.

Chi lo avrebbe mai pensato che il contestatore Stasi che ha fatto le pulci infondatamente ed illegittimamente a tutte le Amministrazioni del passato e che ha costretto decine di amministratori a difendersi per il loro operato (tutti assolti) avesse potuto chinare la testa in tale modo davanti ai poteri forti.

E chi avrebbe mai potuto pensare che tutti i consiglieri di maggioranza, invero poco studiosi degli atti amministrativi ma sempre pronti alle puntualizzazioni sulla carta stampata, restassero così silenti dinnanzi a tale imbarazzante provvedimento dirigenziale.

Quello che è certo è che siamo difronte ad un uomo e ad una donna soli al comando, circondati e adulati da consiglieri e assessori senza pudore, che stanno provocando oltre a un danno economico anche un considerevole imbarazzo a tutta la società da loro amministrata, posto che elargire oltre 175.000,00 ad uno studio che ha tra i soci anche il redattore dello Statuto più imbarazzante della Storia dei Comuni italiani, è mortificante per tutti.

La speranza è che il Sindaco (magari non a conoscenza del provvedimento) faccia revocare immediatamente e senza indugio l’atto in questione, considerato che in Città esiste una classe di professionisti di altissimo livello più che autorevole, capace di garantire le stesse prestazioni dello Studio romano.

I Consiglieri comunali di AZIONE: Vincenzo Scarcello, Adele Olivo, Gennaro Scorza, Mattia Salimbeni, Francesco Madeo, Rocco Gammetta, Antonio Cassano

Articoli correlati