Sabato 21 al “By the Way” con Slow Food.
Birre artigianali, crescono il consumo e la produzione, in Italia ed al Sud. E con una tendenza che, almeno da un paio d’anni, pare essere diventata un vero e proprio fenomeno. La Guida alle Birre d’Italia 2013 di Slow Food, che si affianca alle decine di prestigiose pubblicazioni dedicate a trattorie, vini e ristoranti, ha recensito oltre 400 produttori, oltre 200 birrifici e circa 1200 birre. Un fiume di schiuma che non vive più della forzata contrapposizione con il vino, considerato fino a qualche tempo forse più elitario.

Per confrontarsi e capire meglio i contorni anche economici di questo nuovo scenario, che aggiunge valore al più complessivo “ritorno alla terra” di cui Slow Food è interprete nei territori, promuovendo il cibo buono pulito e giusto, le due condotte della Sibaritide – Pollino e di Crotone hanno promosso un appuntamento pubblico, SABATO 21 DICEMBRE, al pub BY THE WAY, in Piazza Bernardino LE FOSSE, a Rossano Scalo.

Nel corso della serata, di confronto ed anche di degustazione, alla quale parteciperanno, amici e simpatizzanti Slow Food, blogger, appassionati e degustatori professionali di birra, docenti e studenti del Polo Agrario-Alberghiero, sarà presentata ufficialmente una delle birre artigianali calabresi, la BLANDINO di Strongoli. 

Quella in atto, secondo Lorenzo Kuaska DABOVE, tra le firme della Guida Birre d’Italia Slow Food 2013, è una crescita impressionante del numero di produttori, ma soprattutto di originalità, creatività e fantasia di un vero e proprio made in Italy.

Un vero e proprio fermento a base di produttori, consumatori, esperi e ovviamente di birre di cui è stata sintesi il Salone del Gusto di Torino e Terra Madre.

Un fermento che ha numeri anche nel Sud Italia dove la qualità e l’attenzione al prodotto – sostengono diversi esperti – sono in rapida ascesa. – (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Articoli correlati