“La trasparenza non si fa con le parole, ma con i fatti e questo arrampicarsi sugli specchi da parte del Comune sta diventando stucchevole!” Dura la replica degli attivisti del meetup Rossano in MoVimento che non arretrano di un centimetro rispetto alle posizioni manifestate nei giorni scorsi sull’evento “la Costituzione e la bellezza” che ha comportato per il nostro Comune assunzioni di spese ritenute ingiustificate.

“Il Comune di Rossano evidentemente non ha ben capito che non può disporre dei soldi pubblici senza doverne rendere conto ai cittadini. E capiamo anche il loro fastidio nel vedere che l’unica forza politica non presente in consiglio sia di fatto la sola che stia veramente facendo un’opposizione serrata. Opposizione che invece i partiti e le liste civiche, presenti in assise in colpevole silenzio, si stanno guardando bene dal fare attendendo che il buon Mascaro venga ferito a morte dai suoi alleati per potersi poi avventare sul suo cadavere che significherebbe elezioni anticipate e nuova caccia al potere. Noi siamo la voce delle persone che non sono attualmente rappresentate in consiglio comunale e stiamo assolvendo al compito che 1600 persone speranzose di cambiamento ci hanno conferito, dato che chi durante tutta la campagna elettorale si presentava come il Don Chisciotte ed ora invece tace. Il Comune di Rossano può stendere tutti i veli pietosi che vuole ma la sostanza di fatto non cambia! Rendesse noto gli estremi del bonifico sulla stampa dal momento che alle precedenti istanze di accesso continuiamo a non ricevere risposta e dal momento che l’albo pretorio del sito istituzionale è allo stato attuale un optional poco utilizzato (in barba alla normativa vigente), aggiornato raramente e sempre con ritardi cronici. Il Comune di Rossano dice di essere trasparente? Benissimo, lo dimostri coi fatti!”.
Meetup Rossano in MoVimento – Amici di Beppe Grillo