Una luce in fondo al tunnel. La chimera che Corigliano-Rossano, dopo la fusione, possa diventare una Città capace di segnare il passo per il territorio della Sibaritide, uno dei più ricchi (almeno in potenza) dell’intera Calabria, da oggi sembra a prendere una piccola forma.

La direzione nazionale dell’Inps, guidata da Pasquale Tridico che sulla carta d’identità ha scritto “nato a Scala Coeli il 21 settembre 1975” e con la sua storia personale che affonda mani e piedi nello ionico cosentino, uno dei più martoriati e depredati dell’intero meridione d’Italia e d’Europa, starebbe per firmare la determina per la trasformazione, in via sperimentale, dell’Agenzia complessa di Corigliano-Rossano in Filiale provinciale.

CONTINUA A LEGGERE SU LACNEWS24.IT