Tutto accade nel pieno centro di viale Sant’Angelo, salotto buono estivo di Rossano e area nevralgica per visitatori e turisti. Vetrate infrante e struttura in totale stato di abbandono

Se la capacità di accoglienza si dovesse giudicare dalla capacità degli autoctoni ad avere amore del loro luogo natio, beh, alle latitudini di Corigliano-Rossano non saremmo messi proprio bene. Fare autocritica, alle volte, fa bene. Fa bene soprattutto a smuovere le coscienze di chi, invece, ha a cuore la propria terra.

CONTINUA A LEGGERE E GUARDA IL SERVIZIO SU LACNEWS24.IT