GLI ARTIGIANI nel Regno di DIO: ” I GIUSEPPINI”

     La Chiesa tutta si prepara ” nell’Anno murialdino (2019-20) ” a festeggiare, il prossimo 03.05.2020, il 50.mo anniversario dell’ Iscrizione nell’Albo dei Santi dal presbitero Leonardo Murialdo , nato a Torino il 26 ottobre 1828 e ivi deceduto il 30.03.1900, fondatore della Congregazione Religiosa “I Giuseppini del Murialdo”.Tale Congregazione, presente nella Chiesa universale, è costituita da presbiteri e confratelli laici, tutti Volontari nel Regno di Dio, inviati , per le vie del mondo, alla promozione umana e sociale dei ragazzi poveri e delle famiglie bisognose.

    Gli uomini del passato sono grandi non solo per quello che hanno fatto, ma anche per il fascino e la carica che riescono a trasmettere ad altri dopo di loro. San Leonardo Murialdo ha trasmesso la sua esperienza e il suo carisma alla sua Famiglia Religiosa, presente sin dal 1953 anche nella nostra amata Chiesa Diocesana, che è in Corigliano Rossano-Cariati, e precisamente allo Scalo di Rossano nell’Opera S.Cuore. Tale Opera, da quest’anno, è stata affidata alle cure premurose di Padre Antonio,nuovo superiore, del “venerato” padre Antonio (bis), il confessore e padre Attilio , amministratore.

Loro , fedeli alla loro Vocazione cristiana e presbiterale, nell’essere cioè Luce nel mondo e Sale della Terra ( Mt. 5,13-14) ) e seguendo le tracce del loro Fondatore, sono fra noi pionieri laboriosi e instancabili nell’annuncio della Parola di Dio , ma soprattutto semplici ed umili servitore dell’altro in tutte le loro iniziative caritative.

I Giuseppini, seguendo la Chiamata di Dio e ripercorrendo i passi di San Leonardo Murialdo, scoprono come Lui, , di essere amati da Dio con un amore infinito, tenero e misericordioso. Allora, entusiasti , rispondono liberamente a tale Amore con tutte le loro forze e con tutta la loro vita e mettendosi, come Gesù, il Grembiule del Servizio, si propongono di portare quest’amore a tutti quelli che incontrano, soprattutto ai giovani poveri e soli, a coloro che si preparano ad entrare nel mondo del lavoro, ai lavoratori della terra, agli operai delle fabbriche, ai disoccupati, agli emigrati, agli emarginati… “agli artigianelli di ieri e di oggi”.

I Giuseppini si qualificano nella società quali ” artigiani nel Regno di Dio”. Noi li incontriamo nel mondo del lavoro, nelle scuole, nei centri di formazione professionale, negli oratori, nei centri giovanili, nelle fabbriche, nelle parrocchie, nelle missioni, nelle case famiglia e nei centri di accoglienza, accanto sempre a chi, soprattutto tra i giovani, ha più bisogno di amicizia e di solidarietà, senza discriminazione di razza e cultura. Sospinti dallo stesso Amore di Cristo per il bene dell’uomo, essi sono presenti oltre che in in Italia, anche in Spagna, Argentina, Brasile, Colombia, Ecuador, Stati Uniti e nelle Missioni del Napo, della Sierra Leone, della Guninea Bissau…

Incontrandoli e vedendoli lungo i marciapiedi dell nostro mondo e della nostra storia, o lungo i vicoli del nostro quartiere ognuno di noi, con l’Alleluja nel cuore, può sempre esclamare che san Leonardo Murialdo, come il Cristo, è sempre vivo e presente in mezzo a noi : “Noi l’abbiamo incontrato!!!”.

Corigliano Rossano, 16 ottobre 2019 , ( FRANCO PALMISANO )