Il Coordinamento calabrese Acqua pubblica “Bruno Arcuri” ha posto con determinazione, ormai da diversi anni, la questione della illegittimità delle tariffe idriche applicate ai Comuni calabresi dalla società Sorical SpA che gestisce gli acquedotti regionali. Più volte abbiamo fatto presente che non erano state applicate le Normative vigenti

in materia di adeguamenti tariffari rilevando che in Calabria vige il metodo CIPE (adesso la competenza è di un’altra istituzione, l’AEEG) e che, in assenza di qualsiasi decisione statale di adeguamenti tariffari, erano stati applicati aumenti autorizzati dalla Regione Calabria (socio di maggioranza della Sorical SpA).
LEGGI TUTTO

Articoli correlati