“Il sistema dei trasporti” è stato il tema centrale dell’incontro del Laboratorio politico culturale promosso da Fratelli d’Italia-An “Officina Jonio Italia”, e organizzato dal consigliere comunale Ernesto Rapani, tenutosi a Rossano sabato scorso. Un’iniziativa tesa a «proporre per programmare insieme lo sviluppo del territorio» ha affermato Rapani,

rilanciando la proposta di «realizzazione di una metropolitana leggera di superficie», lungo l’asse ferrato jonico, che avvicini la Sibaritide all’aeroporto Sant’Anna di Crotone. I lavori dell’incontro sono stati introdotti e coordinati da Deborah Ferraina che ha ricordato «siamo qui per trattare in maniera più approfondita i problemi del territorio, come quello della mobilità locale; in quanto non abbiamo un’adeguata rete di trasporti, e che fanno di Sibari uno snodo cruciale da e verso Cosenza in direzione dell’aeroporto di Crotone». «L’obiettivo di questo Laboratorio – ha affermato Rapani – è partorire delle proposte da sottoporre agli enti preposti, recependo idee e suggerimenti provenienti dai vari settori della società e calendarizzare incontri monotematici, coinvolgendo direttamente tutti gli operatori». «In passato – ricorda l’esponente nazionale di FdI-An – abbiamo proposto un progetto di metropolitana di superficie leggera, e siamo convinti che tale opera non preclude assolutamente la realizzazione dell’aeroporto di Sibari, per il quale la Provincia di Cosenza si rese già disponibile a mettere sul piatto 20 milioni di euro, e successivamente la Regione Calabria rese noto che avrebbe trovato ben 30 milioni di euro». Fatto sta – rimarca Rapani – che gli anni sono passati e dell’infrastruttura aeroportuale nella Piana di Sibari non si ritrova traccia. La metropolitana consentirebbe di accorciare i tempi di trasporto passeggeri da Sibari a Crotone.
Pietro Gaccione