Il fenomeno che è stato fotografato da un ragazzo sul mare si chiama PARELIO ed è un fenomeno naturale che si verifica spesso in varie parti del mondo, in Italia per esempio si è verificato il 29 dicembre nel Piemonte e nel Lazio, ora qui a Rossano. Non è altro che la riproduzione speculare del sole che si rispecchia in una serie di cristalli di ghiaccio che si trovano ad una certa altezza nell’atmosfera. E’ un fenomeno raro, ma tutto sommato abbastanza frequente ed era conosciuto già nell’antichità sia dai Greci che dai Romani. Quindi nessuno gridi agli UFO o altre diavolerie simili.

E’ un fenomeno ottico atmosferico dovuto alla rifrazione della luce solare da parte dei piccoli cristalli di ghiaccio sospesi nell’atmosfera e che solitamente costituiscono i cirri. I pareli appaiono tipicamente come macchie luminose e colorate nel cielo, a circa 22° o più sulla sinistra e/o destra del Sole.
I cristalli di ghiaccio responsabili di questo fenomeno sono di forma esagonale e spessi da 0,5 mm a 1 mm. Questi cristalli, fungendo da prismi, rifrangono la luce del sole in molte direzioni, ma con un minimo angolo di deviazione di circa 158°, che causa la formazione di pareli a circa 22° gradi dal Sole. La rifrazione dipende dalla lunghezza d’onda, così i pareli hanno la parte interna rossa e altri colori nelle parti più esterne, smorzati dalla reciproca sovrapposizione. Anche l’altezza del Sole è importante: i pareli si allontanano da esso al crescere della sua altezza.
I pareli vengono avvistati come corti archi alla stessa altezza del Sole, perché i cristalli di ghiaccio si allineano di preferenza in direzione approssimativamente orizzontale, secondo effetti di trascinamento aerodinamico.In altre parole l’immagine speculare del sole può essere quindi singola o duplice ,per cui a volte appaiono non due soli, ma addirittura tre.
Prof. FABIO MENIN DOCENTE DI STORIA E GEOGRAFIA SCUOLA MEDIA RONCALLI