VIDEO | Nella notte di San Valentino lo Jonio, spinto da venti di Grecale e Tramontana, ha spazzato via quasi 30 metri di arenile e creato un dislivello di oltre 3 metri. Un fenomeno naturale che da queste parti nessuno ricorda in maniera così distruttiva. “Il mare che scava” probabilmente ha creato anche un nuovo assetto nei fondali di Rossano, solitamente profondi e sassosi. Le attività balneari in ginocchio.

LEGGI L’ARTICOLO