L’elaborato dal titolo “L’olio tra passato e futuro” ha permesso alla classe 3B di distinguersi tra tanti progetti e aggiudicarsi l’ambito riconoscimento
La fine della scuola coincide con una bella notizia per gli studenti della classe 3B della scuola primaria dell’I. C. Rossano III di Corigliano-Rossano che, lo scorso 4 giugno, sono stati proclamati vincitori del concorso “Noi, il cibo, il nostro Pianeta – In action”, organizzato dalla Fondazione Barilla e nato con l’obiettivo di incoraggiare studenti e docenti ad approfondire i temi della sostenibilità alimentare e ambientale

. La docente Immacolata Fusco, insieme alle colleghe Maria Serio Pasqua, Maria Rita Nigro, hanno accompagnato i ragazzi attraverso un excursus storico e culturale sull’olio: dai banchi di scuola fino ai produttori oleari locali che hanno trasferito ai ragazzi le loro conoscenze e competenze pratiche. Da questa attività formativa è nato “L’olio tra passato e futuro” il progetto che ha evidenziato come la nostra epoca imponga scelte radicalmente diverse da quelle compiute in passato, verso un nuovo modello di economia che rispetti le risorse del territorio e stimoli i giovani ad orientarsi verso una società che sappia creare ricchezza e benessere. Attraverso lo studio di un prodotto fortemente legato al territorio calabrese i ragazzi sono stati introdotti alla sostenibilità, con la promozione di comportamenti responsabili da adottare negli ambienti di lavoro, di studio e di vita collettiva, coinvolgendo il territorio, le istituzioni, le imprese e le singole persone.
“Siamo partiti dal concetto di sostenibilità ambientale, focalizzando l’attenzione sulle risorse esistenti sul territorio e valorizzando la loro produzione in termini sia economici che sociali (reddito per la popolazione e sviluppo per la società locale). Il concorso delle varie discipline nella gestione del progetto ha fatto comprendere agli alunni il valore dei beni alimentari esistenti sul territorio, beni che vanno tutelati e opportunamente riqualificati attraverso uno sfruttamento equo e sostenibile” – ha dichiarato la docente Immacolata Fusco durante la cerimonia di premiazione, disponibile qui.
IL CONCORSO: “NOI, IL CIBO, IL NOSTRO PIANETA – IN ACTION”
“Noi, il cibo, il nostro Pianeta” è un programma educativo oggetto di un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione che, incentivando una didattica innovativa offre ai docenti contenuti e strumenti online per l’educazione alla cittadinanza attiva e alla sostenibilità, attraverso il cibo. I docenti che hanno usato programma di didattica digitale hanno avuto inoltre la possibilità di partecipare alla seconda edizione del concorso “Noi, il cibo il nostro Pianeta – In Action”. Il concorso, che ha avuto il 15 maggio 2020 come termine ultimo per presentare gli elaborati multimediali, ha invitato i docenti a creare un progetto didattico in grado di mettere la classe in relazione con esperienze e buone pratiche nel suo territorio, tessuto urbano e/o municipalità di appartenenza.
I docenti di una stessa classe hanno lavorato, da soli o in gruppo, scelto l’argomento per il proprio progetto didattico tra quelli proposti dal programma educativo “Noi, il cibo, il nostro Pianeta”, scaricato il materiale per poi trasferirlo ai ragazzi. Alla parte teorica, ne hanno affiancata una pratica grazie all’individuazione di una realtà locale affine al tema scelto, da approfondire o alla quale contribuire attivamente come gruppo classe, come esempio di soluzione per raggiugere uno o più Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU. Infine, hanno prodotto un elaborato multimediale di 5 minuti nel quale hanno raccontato questa esperienza educativa che connette la sostenibilità ad esperienze concrete.
Sulla base dei progetti ricevuti, provenienti dalle scuole di ogni ordine e grado e dalle scuole italiane all’estero, facenti parte del Sistema della Formazione Italiana nel Mondo, la Fondazione Barilla ha selezionato i tre migliori progetti.
COSA SI VINCE
Le tre classi vincitrici sono state premiate lo scorso 4 giugno nel corso di un webinar che ha dato il via a un dibattito sull’importanza della didattica a distanza, sul rapporto tra scuola e territorio e sul ruolo centrale del docente per educare alla cittadinanza attiva e alla sostenibilità attraverso il cibo. Le prime 3 classi vincitrici hanno vinto un buono del valore di 300 € per la classe e un buono del valore di 300 € per il docente (o il gruppo di docenti ideatori del progetto, fino ad un massimo di tre persone per classe) da spendersi in libri e/o materiale didattico.