Sgomento e scalpore ci sono nella Comunità ecclesiale che è in Corigliano Rossano-Cariati per l’attacco mediatico e malevolo nei confronti del neo-nominato nostro arcivescovo Maurizio Aloise.

”Il seguace di Gesù però non si meraviglia quando sente una celata calunnia o giunge una palese persecuzione, ma deve preoccuparsi quando questa è assente. Gesù lo dice chiaramente : << Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi ( Lc.6,26)>>. << Ricordatevi della parola che IO vi ho detto:” Se hanno perseguitato Me , perseguiteranno anche voi ( Gv.15,20)” >>.

“La società, civile o religiosa, corteggia e premia quanti non la disturbano, ma scatena tutta la sua ferocia verso quanti con la loro presenza e il loro operato di promozione e liberazione umana sono una palese denuncia all’ingiustizia del sistema. Qualsiasi potere non tollera l’esistenza di persone libere, che sfuggono al loro dominio e non possono essere controllate.

“Attenzione ! L’ adesione del credente a Gesù e al progetto del Padre sull’umanità rende le persone libere. << Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi ( Gv.8,32)>>. Solo la libertà è condizione per la presenza dello Spirito . << Dove c’è lo Spirito del Signore, c’ è la libertà ( 2 Cor.3,17)>>.

Questa libertà è intollerabile per qualsiasi istituzione, che, per esistere , deve dominare le persone e renderle sottomesse e infantili e sempre bisognose di una autorità suprema, che le controlla in ciò che devono dire o fare.

Gesù non invita né invia i suoi seguaci a fare crociate contro le tenebre, ma ad immergere l’umanità in un mondo d’amore chiedendo loro di essere luce e di splendere nel fare la verità, perché << la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta ( Gv.1,5)>>.

Chi non vuole essere perseguitato non gli resta che strizzare l’occhio al “signorotto di turno”, rinunciando alla sua libertà e rassegnandosi a continuare a vivere solo regolato da leggi o precetti, ma non animato dallo Spirito. << Cristo ci ha liberati per la libertà ( Gal.5,1)>>.

Nella persecuzione c’è una grande certezza. Dio ( Genitore) sta sempre dalla parte dei perseguitati e mai dalla parte di chi perseguita, anche se qualcuno, a volte, pretende di fare vendetta in suo nome: << Viene l’ora in cui chiunque vi perseguiterà, crederà di rendere culto a Dio ( Gv.16,2)>>.

<<Beati i perseguitati per la fedeltà al Vangelo. Dio si prende cura di loro! Beati voi quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo diranno contro di voi ogni sorta di male a causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa in Dio! ( Mt.5,10-12)>>.

Corigliano Rossano 26 .03,2021 ( Franco Palmisano)